Tonsillite cronica

La tonsillite cronica è un processo infiammatorio lento che si verifica nelle tonsille. I pazienti con tonsillite cronica da molto tempo provano disagio e mal di gola, hanno febbre, arrossamento delle tonsille con formazione di tappi purulenti nelle lacune.

Cosa sono le tonsille e come si manifesta la malattia

Le tonsille palatine sono composte da tessuto linfoide, che ha una funzione protettiva. Le tonsille sono perforate da canali profondi e complessi - cripte, che terminano sulla superficie delle tonsille con lacune - depressioni speciali attraverso le quali viene fatto emergere il contenuto delle lacune. In media, ci sono da 2 a 8 lacune sull'amigdala. Si ritiene che maggiore è la dimensione delle lacune, più facile e veloce è lo scarico..

Oltre alle tonsille palatine, ci sono altre formazioni nella faringe che svolgono una funzione protettiva: la tonsilla linguale si trova alla radice della lingua, le vegetazioni adenoidi (adenoidi) si trovano sulla parete posteriore del rinofaringe e le tonsille tubariche si trovano nelle profondità del rinofaringe attorno al tubo uditivo..

L'infiammazione dei tessuti delle tonsille palatine è chiamata tonsillite e un processo infiammatorio prolungato è chiamato tonsillite cronica..

Tipi di tonsillite cronica

A seconda di come progredisce la malattia, la tonsillite cronica può essere:

  • compensato;
  • scompensato;
  • protratto;
  • ricorrente;
  • tossico-allergico.

La tonsillite compensata procede segretamente: le tonsille non disturbano il disagio e l'infiammazione, il paziente non ha un aumento della temperatura, tuttavia, il rossore è visibile all'esame esterno, le tonsille sono solitamente ingrandite.

Nella tonsillite cronica, di tanto in tanto appare disagio alla gola: sudorazione, leggero dolore. Le esacerbazioni della malattia - tonsillite - disturbano il paziente con una forma ricorrente di tonsillite.

La tonsillite cronica tossico-allergica è divisa in due forme:

  • la prima forma è caratterizzata dall'aggiunta ai principali sintomi di complicazioni come dolori articolari, febbre, dolore nell'area del cuore senza deterioramento degli indicatori dell'elettrocardiogramma, aumento della fatica;
  • la seconda forma trasforma le tonsille in una fonte stabile di infezione, che si diffonde in tutto il corpo e complica il lavoro del cuore, dei reni, delle articolazioni e del fegato. Il paziente si sente stanco, l'efficienza diminuisce, il ritmo cardiaco è disturbato, le articolazioni si infiammano, le malattie della sfera genito-urinaria sono aggravate.

A seconda della posizione del processo infiammatorio, la tonsillite cronica può essere:

  • lacunare, in cui l'infiammazione colpisce le lacune - depressioni nelle tonsille;
  • lacunare-parenchimale, quando l'infiammazione si verifica nelle lacune e nel tessuto linfoide delle tonsille;
  • flemmone, quando il processo infiammatorio è accompagnato da fusione purulenta di tessuti;
  • ipertrofico, accompagnato da una maggiore proliferazione tissutale delle tonsille e delle superfici circostanti del rinofaringe.

Le cause della tonsillite cronica

La tonsillite cronica nella maggior parte dei casi si sviluppa dopo che i pazienti hanno sofferto di una forma acuta della malattia: tonsillite acuta o tonsillite. Il mal di gola non trattato può riapparire o peggiorare a causa di tappi nelle lacune e nelle cripte delle tonsille, che sono ostruite da masse caseoso-necrotiche - secrezioni purulente, prodotti di scarto di batteri e virus.

I principali agenti causali della malattia sono più spesso:

  • virus - adenovirus, herpes comune, virus di Epstein-Barr;
  • batteri - pneumococchi, streptococchi, stafilococchi, moraxella, clamidia;
  • fungo.

Inoltre, i seguenti fattori possono influenzare l'aspetto della tonsillite cronica:

  • inosservanza delle misure di sicurezza nella produzione: una grande quantità di polvere, presenza di fumo, inquinamento da gas, sospensioni di sostanze nocive nell'aria inalata;
  • malattie croniche del cavo orale, delle orecchie, del rinofaringe: otite media cronica, sinusite, carie, pulpite, parodontite e malattia parodontale, in cui la secrezione purulenta cade sulle tonsille e provoca lo sviluppo del processo infiammatorio;
  • diminuzione della funzione immunitaria delle tonsille: le sostanze protettive secrete dal tessuto linfoide non riescono più a far fronte a un gran numero di batteri e virus, che a loro volta si accumulano e si moltiplicano;
  • abuso di prodotti chimici domestici;
  • mangiare cibo contenente una piccola quantità di vitamine e minerali, un'alimentazione irregolare, cibo di scarsa qualità;
  • fattore ereditario: uno dei genitori ha sofferto o soffre di infiammazione cronica delle tonsille;
  • cattive abitudini: alcol e fumo, che, oltre a influire negativamente sul sistema immunitario, complicano il decorso della malattia;
  • situazioni stressanti frequenti, permanenza a lungo termine in uno stato di forte stress emotivo;
  • mancanza di una normale modalità di lavoro e riposo: mancanza di sonno, superlavoro.

Sintomi di tonsillite cronica

È estremamente difficile determinare da soli se una persona ha la tonsillite cronica: un otorinolaringoiatra esperto dovrebbe farlo. Tuttavia, è necessario conoscere i principali sintomi e segni della malattia, quando compaiono, dovresti consultare immediatamente un medico:

  • mal di testa;
  • spiacevole sensazione di corpi estranei in gola: briciole con spigoli vivi, piccoli frammenti di cibo (causati dall'accumulo di depositi putrefattivi e tappi di muco, prodotti di scarto di batteri e virus su lacune e scritture);
  • eruzione cutanea persistente sulla pelle che non va via per molto tempo, a condizione che il paziente non abbia avuto eruzioni cutanee prima;
  • aumento della temperatura corporea;
  • dolore lombare: l'infiammazione cronica delle tonsille spesso causa complicazioni nel lavoro dei reni;
  • dolore nella zona del cuore, battito cardiaco instabile;
  • dolori muscolari e articolari: la tonsillite cronica spesso porta a danni reumatici alle articolazioni;
  • affaticamento rapido, prestazioni ridotte, cattivo umore;
  • ingrossamento dei linfonodi dietro le orecchie e nel collo;
  • un aumento delle tonsille palatine;
  • la comparsa di cicatrici, aderenze, film sulle tonsille;
  • tappi nelle lacune - formazione di sfumature gialle, marrone chiaro, marroni di consistenza solida o pastosa.

La maggior parte dei segni aggiuntivi di tonsillite cronica compaiono quando altri organi e sistemi vitali non funzionano correttamente: cuore, reni, vasi sanguigni, articolazioni e sistema immunitario.

Ad esempio, nelle tonsille infiammate, gli streptococchi beta-emolitici di gruppo A, che sono simili nella struttura proteica al tessuto connettivo del cuore, possono parassitare. Con la tonsillite, il sistema immunitario può attaccare erroneamente i tessuti del cuore, cercando di sopprimere i microrganismi che hanno causato l'infiammazione delle tonsille palatine, a seguito della quale compaiono sensazioni spiacevoli nell'area del cuore, le condizioni generali peggiorano, c'è il rischio di gravi malattie cardiache - miocardite ed endocardite batterica.

Diagnostica tonsillite cronica

Solo un otorinolaringoiatra può stabilire correttamente la presenza, la forma e il tipo di tonsillite cronica, pertanto un appello tempestivo alla clinica è la chiave per una diagnosi e un trattamento rapidi.

I segni più precisi di una malattia cronica si ottengono studiando la storia medica e conducendo un esame esterno delle tonsille palatine: la tonsillite più probabile sarà indicata da frequenti malattie di angina, nonché depositi purulenti e tappi in lacune e cripte..

Oltre a studiare l'anamnesi e l'esame, vengono utilizzati un esame del sangue di laboratorio e una coltura batterica dalla faringe per la flora e la sensibilità agli antibiotici.

Trattamento

Per il trattamento della tonsillite cronica vengono utilizzati metodi conservativi e chirurgici. L'otorinolaringoiatra prescrive un intervento chirurgico solo come ultima risorsa: le tonsille palatine svolgono un ruolo importante nel sistema immunitario umano, proteggendo il rinofaringe dalla penetrazione di agenti patogeni. La rimozione delle tonsille può essere eseguita solo se, a causa di alterazioni patologiche nel tessuto, non possono più svolgere la loro funzione protettiva. Al momento di decidere la rimozione chirurgica delle tonsille, è necessario ricordare ancora una volta che questa è la parte più importante del sistema immunitario generale del corpo, che è responsabile della protezione degli organi del rinofaringe..

Il trattamento della tonsillite cronica viene effettuato su base ambulatoriale in un istituto medico da un otorinolaringoiatra. Il processo di trattamento può essere suddiviso in più fasi, ognuna delle quali svolge la propria funzione..

Fase uno: lavare le tonsille

In questa fase, il paziente viene lavato con tonsille, liberando lacune e cripte da masse e tappi caseoso-necrotici. In assenza di attrezzature moderne, tale lavoro, di regola, viene eseguito con una normale siringa: una soluzione disinfettante viene aspirata al suo interno e spremuta con un pistone sulla superficie delle tonsille e nelle lacune. Gli svantaggi di questo metodo sono la pressione troppo debole del flusso della soluzione, che non consente il risciacquo profondo e la pulizia delle cripte, nonché la possibile comparsa di un riflesso del vomito causato dal contatto della siringa con le tonsille.

Nella maggior parte dei casi, vengono utilizzate attrezzature moderne: il dispositivo di vuoto ad ultrasuoni Tonsillor, utilizzato dalle cliniche moderne e dai centri ORL. L'attacco per l'irrigazione permette di risciacquare a fondo le tonsille senza toccarle, senza indurre i riflessi del vomito. Il vantaggio dell'utilizzo dell'ugello è che il medico può osservare e controllare il processo di lavaggio dei contenuti patologici dalle tonsille.

Fase due: trattamento antisettico

Dopo aver pulito le tonsille, viene applicato un antisettico utilizzando gli ultrasuoni: le onde ultrasoniche convertono la soluzione antisettica in vapore, che viene applicato sotto pressione sulla superficie delle tonsille.

Per consolidare l'effetto antibatterico, le tonsille vengono trattate con la soluzione di Lugol: contiene iodio e ioduro di potassio, che hanno potenti proprietà antibatteriche.

Fase tre: fisioterapia

La terapia laser è uno dei metodi di terapia fisica più efficaci, indolori e privi di effetti collaterali. Le sue proprietà positive:

  • anestesia;
  • attivazione dei processi metabolici;
  • migliorare il metabolismo nell'organo colpito;
  • rigenerazione dei tessuti colpiti;
  • maggiore immunità;
  • miglioramento significativo delle proprietà e delle funzioni del sangue e dei vasi sanguigni.

La radiazione ultravioletta viene utilizzata per neutralizzare i microrganismi dannosi nella cavità orale.

Il numero di procedure per il lavaggio, il trattamento antisettico e la fisioterapia è prescritto dal medico su base individuale. In media, per pulire completamente le tonsille e ripristinare la loro capacità di autopulizia, il lavaggio dovrebbe essere ripetuto almeno 10-15 volte. Al fine di eliminare completamente la necessità di un intervento chirurgico, i corsi di trattamento conservativo vengono ripetuti più volte all'anno..

In casi estremi, quando il tessuto linfoide delle tonsille viene sostituito dal tessuto connettivo a causa della malattia e le tonsille cessano di proteggere il corpo dai microrganismi, essendo una fonte costante di agenti patogeni, viene prescritta la tonsillectomia. La tonsillectomia è un intervento chirurgico per rimuovere le tonsille. Viene eseguito in ambiente ospedaliero in anestesia locale o generale.

Prevenzione della tonsillite cronica

Le misure preventive per evitare il ripetersi del processo infiammatorio nell'area delle tonsille includono diverse misure complesse:

  • corretta alimentazione: non mangiare cibi che irritano le mucose delle tonsille - agrumi, cibi piccanti, speziati, fritti, affumicati, forti bevande alcoliche;
  • rafforzare l'immunità generale: indurimento, camminare all'aria aperta, assumere complessi vitaminici e minerali;
  • modalità riposo e lavoro: è necessario dormire a sufficienza, prendersi del tempo per un buon riposo, evitare ore di lavoro senza interruzioni.

Tonsillite: sintomi, cause, trattamento

La tonsillite è una malattia comune. I bambini sono i più suscettibili (circa il 60-65% di tutte le infezioni respiratorie acute), specialmente all'età di 5-10 anni. I sintomi della patologia negli adulti e nei bambini dipendono dal decorso del processo infiammatorio, dalla presenza di malattie concomitanti.

Cos'è la tonsillite? La tonsillite (dal latino tonsillae - tonsille) è una malattia infettiva, il cui sintomo principale è un processo infiammatorio acuto o cronico nelle tonsille palatine.

L'infiammazione cronica spesso contribuisce allo sviluppo di varie complicazioni. La tonsillite acuta, o tonsillite, è una malattia comune caratterizzata da aumenti dell'incidenza in primavera e in autunno. Negli adulti, la patologia si verifica nel 5-20% dei casi di infezioni respiratorie acute..

Cause di tonsillite

La malattia si sviluppa quando batteri o virus patogeni entrano nel corpo. I patogeni più comuni tra i virus sono:

  • adenovirus;
  • virus parainfluenzale;
  • virus respiratorio sinciziale;
  • rinovirus;
  • enterovirus;
  • Virus di Epstein-Barr.

Tra i patogeni batterici, lo streptococco beta-emolitico di gruppo A, o streptococco piogenico, gioca un ruolo importante. Ad esso è associato circa il 15% dei casi di angina. Lo streptococco viene trasmesso da goccioline trasportate dall'aria, contatto e cibo.

Inoltre, la malattia può essere causata da:

  • streptococchi dei gruppi C e G;
  • pneumococchi;
  • anaerobi;
  • micoplasma;
  • clamidia;
  • spirochete;
  • gonococchi.

L'agente patogeno entra nella mucosa delle tonsille esogenamente con aria o cibo inalati, nonché endogenamente - da focolai cronici di infezioni o con un aumento della patogenicità della microflora saprofitica sullo sfondo di una diminuzione dell'immunità generale o locale.

In condizioni di immunodeficienza locale, l'agente eziologico possono essere funghi simili a lieviti del genere Candida, che sono inclusi nella normale flora dell'orofaringe.

Lo sviluppo del processo infiammatorio è facilitato da:

  • lesioni alle tonsille;
  • malattie infiammatorie croniche della bocca, del naso e dei seni paranasali;
  • violazione della respirazione nasale;
  • malattie somatiche concomitanti di vari organi e sistemi che influenzano la reattività generale del corpo.

Morfologicamente, con l'infiammazione delle tonsille nel parenchima, c'è un'espansione dei vasi sanguigni e linfatici, infiltrazione della mucosa con leucociti.

Nella patogenesi dell'infiammazione cronica, il ruolo principale è giocato dalla violazione dei meccanismi protettivi e adattativi delle tonsille, la sensibilizzazione del corpo. La microflora patogena nelle lacune dell'angina cronica può diventare un fattore scatenante nello sviluppo di processi autoimmuni.

Classificazione

Codice della tonsillite secondo ICD-10 (revisione della classificazione internazionale delle malattie 10):

  • J03.0 - streptococco;
  • J03.8 - acuto, causato da altri agenti patogeni specificati;
  • J03.9 - acuto, non specificato;
  • J35.0 cronico.

La tonsillite, a seconda del decorso dell'infiammazione, è divisa in acuta e cronica. L'acuto, a sua volta, può essere primario o secondario.

La tonsillite acuta primaria ha le seguenti forme:

  • catarrale;
  • lacunare;
  • follicolare;
  • membranosa ulcerosa o necrotica.

La tonsillite acuta secondaria può verificarsi in malattie infettive acute, come:

Inoltre, il processo infiammatorio secondario si sviluppa sullo sfondo di malattie ematologiche (con agranulocitosi, leucemia, aleukia tossica alimentare).

La tonsillite cronica è divisa in aspecifica e specifica. La tonsillite cronica aspecifica ha una forma compensata e scompensata. L'infiammazione specifica delle tonsille si sviluppa con granulomi infettivi - tubercolosi, sifilide, scleroma.

Esiste anche una classificazione clinica delle forme di patologia:

  • catarrale;
  • follicolare;
  • lacunare;
  • necrotico;
  • flemmone;
  • fibrinoso;
  • erpetico;
  • misto.

Sintomi di tonsillite

I principali segni di tonsillite sono:

  • fastidio o mal di gola, aggravati dalla deglutizione, possono irradiare dolore all'orecchio;
  • un aumento della temperatura corporea (la tonsillite può verificarsi senza temperatura);
  • odore putrido dalla bocca;
  • tosse secca;
  • deterioramento del benessere: debolezza generale, dolore ai muscoli e alle articolazioni, mal di testa, diminuzione delle prestazioni.

Con la forma lacunare, si verifica un accumulo di secrezione sierosa-mucosa e purulenta nelle lacune. Il pus è costituito da leucociti, linfociti, epitelio e fibrina. Possono formarsi ampi depositi di drenaggio.

Se c'è un forte gonfiore delle tonsille, potrebbe esserci una sensazione di oppressione al collo, difficoltà a respirare.

Diagnostica

Per stabilire una diagnosi ed eseguire la diagnostica differenziale, è necessario:

  • raccolta di reclami e anamnesi;
  • ispezione;
  • esame strumentale, inclusa la faringoscopia;
  • esame microscopico, citologico, batteriologico dello scarico dalla mucosa delle tonsille, dell'orofaringe;
  • analisi del sangue clinico.

Dalla foto della gola, scattata durante la faringoscopia, i cambiamenti nell'angina sono chiaramente visibili. Esistono diversi tipi di faringoscopia, che consentono di esaminare visivamente l'orofaringe e valutare le condizioni della mucosa.

Nella forma catarrale, c'è iperemia delle tonsille, sembrano gonfie, l'epitelio è allentato e saturo di secrezione sierosa. Non ci sono depositi purulenti.

La forma follicolare è caratterizzata dalla transilluminazione dei follicoli attraverso la mucosa sotto forma di punti gialli.

Con la forma lacunare, si verifica un accumulo di secrezione sierosa-mucosa e purulenta nelle lacune. Il pus è costituito da leucociti, linfociti, epitelio e fibrina. Possono formarsi ampi depositi di drenaggio.

La forma flemmonosa è caratterizzata da una violazione del drenaggio delle lacune, edema del parenchima delle tonsille, alterazioni necrotiche nei follicoli che, fondendosi, possono formare un ascesso. Un tale ascesso si trova vicino alla superficie delle tonsille e viene svuotato nella cavità orale.

Per il mal di gola candidale è caratterizzato da moderata iperemia delle tonsille, presenza di una placca cagliata di colore bianco o giallo. Di regola, la terapia antibiotica a lungo termine precede l'infezione fungina..

La malattia è caratterizzata da un aumento, indurimento e tenerezza dei linfonodi regionali: cervicale sottomandibolare, anteriore e posteriore.

Durante l'esame della cavità orale o durante la faringoscopia, il medico preleva materiale dalla superficie delle tonsille, la parete posteriore della faringe per la coltura batteriologica, seguita dalla determinazione della sensibilità ai farmaci antibatterici.

Esiste un test rapido per determinare la presenza di streptococco beta-emolitico di gruppo A in un raschiamento dalla mucosa dell'orofaringe. Viene eseguito entro 5-15 minuti ed è un metodo immunocromatografico per la diagnostica rapida di una valutazione qualitativa della presenza dell'antigene dello streptococco beta-emolitico di gruppo A. L'analisi viene eseguita da un medico e non richiede un laboratorio speciale. La sensibilità del test è del 97%.

Secondo un esame del sangue clinico, vengono valutati gli spostamenti dei leucociti. Oltre ai cambiamenti generali sotto forma di aumento del numero di leucociti e accelerazione della VES (velocità di eritrosedimentazione), con danno batteriologico, aumenta il numero di neutrofili, appare un gran numero di leucociti pugnalati (giovani). Con un'infezione virale, i linfociti aumentano. Pertanto, l'analisi aiuta nella diagnosi e nella diagnosi differenziale. Ad esempio, con la mononucleosi infettiva, il numero di monociti aumenta.

Diagnosi differenziale

L'angina follicolare deve essere differenziata dalla difterite orofaringea. Entrambe le malattie si presentano con febbre alta e intossicazione, mal di gola, congestione e ingrossamento delle tonsille, ma ci sono segni distintivi che aiutano il medico a diagnosticare correttamente.

Con l'angina follicolare, la placca gialla sulle tonsille viene facilmente rimossa e il sanguinamento non si nota. Con la difterite si formano isole di un film fibrinoso lucido e denso, che è difficile da rimuovere, dopo di che rimane una superficie sanguinante.

Inoltre, con l'angina follicolare, il sollievo delle lacune è chiaramente visibile, il gonfiore delle tonsille non è notato, i linfonodi regionali sono dolorosi alla palpazione. Con la difterite dell'orofaringe, il sollievo delle tonsille è levigato, sono edematose, i linfonodi regionali sono indolori.

Per il mal di gola candidale è caratterizzato da moderata iperemia delle tonsille, presenza di una placca cagliata di colore bianco o giallo. Di regola, la terapia antibiotica a lungo termine precede l'infezione fungina..

Con la tubercolosi sulle arcate palatine, possono formarsi tonsille, ulcere di colore rosa pallido con bordi irregolari, ricoperte da una fioritura purulenta. La corretta diagnosi viene stabilita attraverso analisi microscopiche e batteriologiche.

Con il pretesto di mal di gola, può verificarsi una lesione tumorale delle tonsille, l'orofaringe, che si manifesta sotto forma di decadimento dei tessuti. La diagnosi viene stabilita sulla base dei risultati di un esame istologico di una biopsia delle tonsille.

Lo sviluppo di tonsillite secondaria è possibile con malattie del sangue, ad esempio con leucemia acuta. I follicoli possono fondersi e disintegrarsi. La malattia è caratterizzata dalla rapida diffusione di alterazioni necrotiche nelle tonsille. Nello stabilire la diagnosi, i cambiamenti tipici del sangue caratteristici della leucemia giocano un ruolo importante..

Trattamento

Per le lesioni batteriche viene prescritta una terapia antibiotica sistemica. Il suo scopo è distruggere l'agente patogeno, limitare il fuoco dell'infezione e prevenire complicazioni purulente e autoimmuni. Innanzitutto, vengono prescritti farmaci del gruppo di penicilline o cefalosporine di terza generazione. I farmaci di scelta per il trattamento della tonsillite streptococcica acuta sono la fenossimetilpenicillina, le aminopenicilline. L'antibiotico è prescritto per 10 giorni.

In caso di reazioni allergiche alle penicilline (Amoxicillina) e alle cefalosporine (Cefixima), vengono prescritti macrolidi. La durata del trattamento con azitromicina è di 5 giorni.

Per l'angina cronica, gli antibiotici vengono utilizzati durante un'esacerbazione.

In assenza di dinamiche positive (sotto forma di diminuzione della temperatura corporea e diminuzione della gravità del dolore alla gola entro 72 ore dall'inizio della terapia), il medico può cambiare l'antibiotico.

Non è necessario selezionare o sostituire il farmaco da soli, poiché ciò può portare non solo a complicazioni, ma anche contribuire alla formazione di resistenza di microrganismi all'antibiotico. Se si verificano reazioni avverse, consultare immediatamente un medico..

In caso di infezione virale, gli antibiotici profilattici non sono raccomandati.

Con la candidosi, viene eseguita una terapia antifungina sistemica.

Per ridurre la temperatura corporea e ridurre il dolore, è indicato un trattamento sintomatico con farmaci antinfiammatori non steroidei (paracetamolo, ibuprofene).

È molto importante eseguire un trattamento locale sotto forma di risciacquo, inalazione, uso di compresse e pastiglie per il riassorbimento. Grazie a ciò, la gravità della sindrome del dolore diminuisce. Non esclude la terapia antibiotica sistemica.

Si raccomandano antisettici locali:

  • clorexidina;
  • preparati di iodio;
  • sulfonamidi;
  • biclotimolo;
  • lisozima.

Le tonsille sono lubrificate con soluzione di Lugol all'1%, soluzione di collargol al 2%, soluzione di propoli al 40% o pomata di interferone.

Per le lesioni batteriche viene prescritta una terapia antibiotica sistemica. Il suo scopo è distruggere l'agente patogeno, limitare il fuoco dell'infezione, prevenire complicazioni purulente e autoimmuni.

Dopo il lavaggio, le paste antisettiche vengono iniettate per via intralacunare: etonio, gramicidina. Hanno una vasta gamma di effetti, fornendo un effetto batteriostatico sulla microflora patogena.

Secondo le indicazioni, sono prescritti agenti di rinforzo generale e immunostimolanti.

Con l'angina cronica, viene eseguita anche la fisioterapia.

Prevenzione

Le misure preventive per prevenire lo sviluppo dell'angina includono:

  • rispetto delle regole di igiene personale;
  • assumere preparati vitaminici complessi in autunno e in primavera;
  • limitare il contatto con pazienti con tonsillite acuta per prevenire la trasmissione per via aerea dell'infezione;
  • trattamento delle infezioni croniche del tratto respiratorio superiore.

Complicazioni

Perché il processo infiammatorio nelle tonsille è pericoloso? L'angina può causare gravi complicazioni, che portano a malattie del sistema cardiovascolare.

Con una diagnosi prematura o un trattamento inadeguato, è possibile il passaggio da un processo acuto a uno cronico..

Il mal di gola da streptococco può causare complicazioni purulente:

Sono possibili anche conseguenze tardive non purulente:

  • glomerulonefrite post-streptococcica;
  • shock tossico;
  • febbre reumatica acuta.

video

Offriamo per la visualizzazione di un video sull'argomento dell'articolo.

Istruzione: prima università medica statale di Mosca. LORO. Sechenov.

Esperienza lavorativa: 4 anni di lavoro in uno studio privato.

Le informazioni sono generalizzate e fornite solo a scopo informativo. Al primo segno di malattia, consultare il medico. L'automedicazione è pericolosa per la salute!

Tonsillite

La tonsillite è un processo infiammatorio che si verifica nell'area delle tonsille palatine ed è caratterizzato dalla durata del proprio decorso.

La tonsillite, i cui sintomi sono anche definiti come il nome più comune per la malattia "angina", consiste in alterazioni patologiche dell'orofaringe, simili tra loro, ma diverse per caratteristiche della propria eziologia e decorso.

Esistono molti tipi di tonsillite, che differiscono per natura, localizzazione e grado di danno. In generale, il trattamento ha successo e richiede da sette giorni a due settimane. Se non inizi la terapia in modo tempestivo, saranno possibili complicazioni..

A cosa servono le tonsille??

Se siamo nati con una serie di tonsille, che fa parte dell'anello linfo-faringeo, allora aveva un senso, giusto? Le tonsille sono normalmente parte integrante del sistema immunitario e linfatico. Se il primo è in grado di combattere le infezioni, il secondo funge da "fogna", ovvero rimuove le tossine e altre sostanze pericolose dal corpo.

Inoltre, nella linfa, il sangue viene purificato e filtrato da microbi, virus e dai loro prodotti di scarto, e le tonsille, a loro volta, proteggono il corpo dalla penetrazione di batteri, virus e funghi estranei dall'aria e dal cibo inalato. Se tuttavia l'infezione entra nel corpo, le tonsille palatine "segnalano" questo ad altri organi del sistema linfatico e immunitario.

In caso di processi infiammatori ricorrenti, le tonsille cessano di svolgere le loro funzioni e l'infezione penetrata provoca alterazioni infiammatorie. Innanzitutto, si verifica un processo acuto, come un mal di gola virale o purulento, e senza cure adeguate e un trattamento tempestivo, tonsillite cronica.

Cos'è?

Questa è l'infiammazione di una o più tonsille (spesso palatine). Le tonsille sono organi immunitari linfatici che proteggono le vie aeree da virus e batteri. Ma le tonsille stesse possono essere infettate, il che può causare dolore e altri sintomi..

Abbastanza interessante è la forma della tonsillite, che è acuta o cronica:

  • La forma acuta può essere il risultato di un'esacerbazione di tonsillite cronica sotto l'influenza di superlavoro, ipotermia o diminuzione dell'immunità.
  • La tonsillite cronica è il risultato di una forma acuta che non è stata trattata bene o per niente.
  • Infettivo: batterico, virale, fungino.
  • Semplice: sintomi locali.
  • Tossico-allergico: cambiamenti nel lavoro del cuore, linfoadenite e altre complicazioni.
  • Compensato: l'infezione è presente, ma la malattia non si sviluppa.
  • Scompensato: manifestazione di tutti i sintomi di angina e altri sistemi.
  • Catarrale;
  • Purulento;
  • Flegmonous.

Secondo il meccanismo di sviluppo, ci sono:

  • Angina primaria: lo sviluppo di una malattia indipendente;
  • Mal di gola secondario - sviluppo a seguito di un'altra malattia.

Altri tipi di tonsillite:

  • Angranulocitico;
  • Monocitica;
  • Follicolare;
  • Lacunare;
  • Fibrinoso;
  • Erpetico;
  • Necrotica ulcerosa.
  • Misto.

Cause

Abbiamo esaminato la tonsillite, di cosa si tratta, e ora le ragioni del suo aspetto dovrebbero essere annotate separatamente..

Certo, la malattia è provocata da agenti patogeni. Nella maggior parte dei casi, sono clamidia, candida, stafilococco, streptococco, pneumococco. Inoltre, la malattia può essere di origine virale e, in questo caso, l'angina è molto simile nel suo corso all'influenza. Se la malattia è comparsa a causa di rinovirus e adenovirus, può essere accompagnata da naso che cola, febbre e starnuti.

Nota che ci sono altri fattori che portano alla comparsa di tonsillite:

  1. Ipotermia. Per alcune persone, è sufficiente bagnarsi i piedi per avere mal di gola..
  2. Malattie virali trasferite di recente. Se una persona ha avuto ARVI o influenza, la sua immunità è indebolita e la probabilità di contrarre la tonsillite è maggiore.
  3. Effetti allergici: polvere e fumo.
  4. Immunità ridotta e carenza di vitamine.
  5. Bruschi sbalzi di temperatura e umidità.

Quando il processo inizia ad assumere una forma cronica nelle tonsille, il tessuto linfoide diventa gradualmente più denso da tenero, essendo sostituito dal connettivo, compaiono cicatrici che coprono le lacune. Ciò porta alla comparsa di tappi lacunari - focolai purulenti chiusi, in cui si accumulano particelle di cibo, catrame di tabacco, pus, microbi, sia vivi che morti, cellule morte dell'epitelio della mucosa delle lacune.

Nelle lacune chiuse, figurativamente parlando, sacche in cui si accumula il pus, si creano condizioni molto favorevoli per la conservazione e la riproduzione di microrganismi patogeni, i cui prodotti di scarto tossici vengono trasportati attraverso il corpo con il flusso sanguigno, colpendo quasi tutti gli organi interni, portando a intossicazione cronica del corpo. Un tale processo avviene lentamente, il lavoro generale dei meccanismi immunitari viene confuso e il corpo può iniziare a rispondere in modo inadeguato a un'infezione persistente, causando allergie. E i batteri stessi (streptococco) causano gravi complicazioni.

Sintomi comuni

I sintomi comuni di tonsillite negli adulti (vedi foto) sono:

  • segni di intossicazione: dolore a muscoli, articolazioni, testa;
  • malessere;
  • dolore durante la deglutizione;
  • gonfiore delle tonsille, palato molle, ugola;
  • presenza di placca, a volte ci sono ulcere.

A volte i sintomi della tonsillite possono anche essere dolore all'addome e alle orecchie, nonché la comparsa di un'eruzione cutanea sul corpo. Ma il più delle volte la malattia inizia con la gola. Inoltre, il dolore con la tonsillite differisce da un sintomo simile che si verifica con l'ARVI o anche con l'influenza. L'infiammazione delle tonsille si fa sentire molto chiaramente: la gola fa così male che è difficile per il paziente comunicare semplicemente, per non parlare del mangiare e deglutire.

Sintomi di tonsillite acuta

La tonsillite acuta si manifesta a seconda della forma in cui procede la malattia.

La forma catarrale si manifesta con i seguenti sintomi:

  • Emicrania;
  • Dolore durante la deglutizione;
  • Linfonodi ingrossati nel collo;
  • Debolezza generale;
  • Aumento della temperatura a 38 gradi (e oltre);
  • Gola secca e irritata.

La forma follicolare è caratterizzata dalle seguenti caratteristiche:

  • Brividi;
  • Perdita di appetito;
  • La comparsa di suppurazione sulle tonsille;
  • Forti mal di testa;
  • Gonfiore delle tonsille e dei tessuti circostanti;
  • Perdita di appetito;
  • Aumento della sudorazione;
  • Sensazione di dolore e debolezza generale.

La forma flemmonosa si manifesta come segue:

  • Forti mal di testa;
  • Linfonodi ingrossati nel collo;
  • Acuto mal di gola;
  • Alito cattivo;
  • Debolezza generale e diminuzione dell'appetito;
  • La comparsa di nasalismo;
  • L'inizio dei brividi;
  • Aumento della salivazione;
  • Alta temperatura (oltre 39 gradi).

Le tonsilliti causate dai virus dell'herpes sono accompagnate dalla comparsa di vesciche erpetiche sulle tonsille.

Sintomi di tonsillite cronica

Le manifestazioni della malattia in una forma cronica sono simili nella sintomatologia ad altre malattie e quindi non sono sempre prestate attenzione. I primi sintomi allarmanti che indicano l'insorgenza di tonsillite possono essere la comparsa di frequenti mal di testa, diminuzione delle prestazioni, debolezza e malessere generale. Questa sintomatologia è associata all'intossicazione del corpo con i prodotti di scarto dei batteri che sono caduti sulle tonsille..

Un altro segno più pronunciato è la comparsa di una sensazione di un oggetto estraneo in gola. Questo fenomeno è spiegato dal blocco delle tonsille palatine con grandi tappi, che di solito è accompagnato dall'insorgenza di alitosi..

La tonsillite si manifesta molto spesso con i seguenti sintomi:

  • Gola infiammata;
  • Linfonodi ingrossati e doloranti;
  • Dolore durante la deglutizione "
  • Aumento della temperatura;
  • Tosse con pus.

I sintomi spiacevoli possono comparire da quasi tutti gli organi e sistemi di una persona, perché i batteri patogeni possono penetrare dalle tonsille in qualsiasi parte del corpo.

  • Dolori articolari;
  • Eruzione cutanea di natura allergica sulla pelle che non risponde al trattamento;
  • "Lomota" nelle ossa "
  • Colica cardiaca debole, malfunzionamento del sistema cardiovascolare;
  • Dolore nella zona dei reni, disturbi del sistema genito-urinario.

Tonsillite: foto

Diagnostica

I principali metodi di esame per l'angina:

  • faringoscopia (vengono rilevati iperemia, edema e ingrossamento delle tonsille, film purulenti, follicoli suppuranti);
  • diagnostica di laboratorio del sangue (c'è un aumento della VES, leucocitosi con uno spostamento a sinistra);
  • Studio PCR (il metodo consente di determinare con precisione i tipi di microrganismi patogeni che hanno causato lo sviluppo di infezioni e infiammazioni nell'orofaringe);
  • semina frammenti di muco e placca su terreni nutritivi, che consente di determinare il tipo di microrganismi e stabilire il grado di sensibilità a specifici antibiotici.

I cambiamenti negli esami del sangue per l'angina non confermano la diagnosi. Lo studio principale per la tonsillite è la faringoscopia. Il mal di gola catarrale è definito da iperemia e gonfiore delle tonsille. Alla faringoscopia con mal di gola follicolare, si nota un processo infiammatorio diffuso, ci sono segni di infiltrazione, gonfiore, suppurazione dei follicoli tonsillari o erosioni già aperte.

Con il mal di gola lacunare, l'esame faringoscopico mostra aree con un rivestimento bianco-giallo, che si fondono in film che coprono tutte le tonsille. Durante la diagnosi di tonsillite Simanovsky-Plaut-Vincent, il medico scopre una placca bianco-grigiastra sulle tonsille, sotto la quale si trova un'ulcerazione, a forma di cratere. Il mal di gola virale durante la faringoscopia viene diagnosticato da caratteristiche vescicole iperemiche sulle tonsille, sulla parete faringea posteriore, sull'arco e sulla lingua, che scoppiano dopo 2-3 giorni dall'inizio della malattia e guariscono rapidamente senza lasciare cicatrici.

Trattamento della tonsillite acuta

Nella tonsillite acuta, il paziente deve essere ricoverato nel reparto di malattie infettive in conformità con il rigoroso riposo a letto. Ai pazienti viene mostrata una dieta delicata e abbondanti bevande calde. La malattia viene trattata in modo conservativo utilizzando farmaci e fisioterapia.

Il trattamento etiotropico è una terapia antibiotica. La scelta del farmaco è determinata dal risultato dell'esame microbiologico della gola separata..

Ai pazienti vengono prescritti antibiotici ad ampio spettro:

  • cefalosporine - "Cefaclor", "Cefixim",
  • penicilline protette da inibitori - "Augmentin", "Panklav",
  • macrolidi - "Claritromicina", "Sumamox".

La tonsillite non complicata può essere trattata con antimicrobici topici. "Bioparox" è un farmaco che ha un effetto antimicrobico e antinfiammatorio locale. Questo farmaco aiuterà a sbarazzarsi della tonsillite non streptococcica. Dosaggio: 4 spruzzi ogni 4 ore 10 giorni.

La terapia sintomatica ha lo scopo di ridurre i segni della malattia e alleviare le condizioni del paziente. Per questo, ai pazienti viene prescritto:

  1. Antistaminici - "Loratadin", "Cetrin".
  2. Farmaci antipiretici - "Ibufen", "Nurofen".
  3. Spray e caramelle - "Septolete", "Strepsils", "Kameton", "Stopangin", "Geksoral".
  4. Risciacquo della gola con soluzioni antisettiche - "Chlorophyllipt", "Chlorhexidine".
  5. Trattamento delle tonsille con agenti antisettici - soluzione di Lugol o Chlorophyllipt.
  6. Farmaci immunostimolanti - "Ismigen", "Imunorix", "Polyoxidonium".
  7. Complessi minerali e vitaminici - "Vitrum", "Centrum".
  8. Sanificazione delle tonsille palatine mediante lavaggio delle lacune e aspirazione del contenuto con l'apparato "Tonsilor".

Il trattamento fisioterapico della tonsillite viene effettuato solo dopo aver ridotto i sintomi dell'infiammazione acuta. Le tonsille sono esposte a un laser, luce ultravioletta, un dispositivo vibroacustico "Vitafon", un campo elettromagnetico ad alta frequenza. Le applicazioni di fango e ozocerite vengono applicate sulla zona dei linfonodi ingrossati.

Aromaterapia - utilizzare per l'inalazione e il risciacquo di oli essenziali di lavanda, abete, eucalipto, timo, mandarino, legno di sandalo.

Se, dopo tre cicli di trattamento conservativo, l'effetto atteso non si verifica, le tonsille vengono rimosse.

Il trattamento dell'esacerbazione della tonsillite cronica viene effettuato in modo simile al trattamento della forma acuta della malattia. La tonsillite cronica scompensata non risponde alla terapia conservativa. In questo caso, il trattamento chirurgico viene eseguito immediatamente..

Trattamento della tonsillite cronica

Il trattamento della tonsillite cronica può essere chirurgico o conservativo. Naturalmente, la chirurgia è una misura estrema che può causare danni irreparabili al sistema immunitario e alle funzioni protettive del corpo. La rimozione chirurgica delle tonsille è possibile quando, con infiammazione prolungata, il tessuto linfoide viene sostituito da tessuto connettivo. E nei casi in cui si verifica un ascesso paratonsillare con la forma tossico-allergica 2, viene mostrata la sua apertura.

Solo dopo aver stabilito una diagnosi accurata, un quadro clinico, grado e forma di tonsillite cronica, il medico determina la tattica di gestione del paziente, prescrive un corso di terapia farmacologica e procedure locali.

La terapia farmacologica consiste nell'uso dei seguenti tipi di farmaci:

  1. Antibiotici Il medico prescrive questo gruppo di farmaci solo in caso di esacerbazione della tonsillite cronica, il trattamento antibiotico è auspicabile sulla base dei dati della coltura batterica. La prescrizione di farmaci alla cieca potrebbe non portare all'effetto desiderato, perdita di tempo e peggioramento della condizione. A seconda della gravità del processo infiammatorio, il medico può prescrivere antibiotici per l'angina sia con un breve ciclo dei rimedi più facili e sicuri, sia con un ciclo più lungo di farmaci più forti che richiedono probiotici (vedi anche Sumamed per l'angina). Con un decorso latente di tonsillite, il trattamento con farmaci antimicrobici non è indicato, poiché ciò interrompe ulteriormente la microflora, il tratto gastrointestinale e la cavità orale e sopprime anche l'immunità.
  2. Probiotici. Quando si prescrivono antibiotici aggressivi di un ampio spettro di azione, nonché con malattie concomitanti del tratto gastrointestinale (gastrite, colite, reflusso, ecc.), È imperativo assumere farmaci probiotici resistenti agli antibiotici contemporaneamente all'inizio della terapia - Acipol, Relations Life, Narine, Primadophilus, Gastrofarm, Normoflorin.
  3. Antistaminici. Per ridurre l'edema della mucosa, il gonfiore delle tonsille, la parete faringea posteriore, è necessario assumere farmaci desensibilizzanti, nonché per un assorbimento più efficace di altri farmaci. In questo gruppo è meglio usare farmaci di ultima generazione, hanno un'azione più lunga e prolungata, non hanno un effetto sedativo, sono più forti e più sicuri. Tra gli antistaminici, si possono distinguere i migliori: Cetrin, Parlazin, Zyrtec, Letizen, Zodak, oltre a Telfast, Feksadin, Fexofast. Nel caso in cui uno di questi farmaci aiuti un paziente con un uso prolungato, non vale la pena cambiarlo con un altro.
  4. Antidolorifici. Con la sindrome del dolore grave, il più ottimale è Ibuprofen o Nurofen, sono usati come terapia sintomatica e con dolore minore, il loro uso è sconsigliato (vedere l'elenco completo ei prezzi dei farmaci antinfiammatori non steroidei nell'articolo Iniezioni per il mal di schiena).
  5. Immunostimolante. Tra i farmaci che possono essere utilizzati per stimolare l'immunità locale nel cavo orale, forse è indicato solo Imudon, il cui corso di terapia è di 10 giorni (tabella riassorbibile. 4 r / giorno). Tra i mezzi di origine naturale per aumentare l'immunità, puoi usare Propoli, Pantokrin, ginseng, camomilla.
  6. Antisettico. Una condizione importante per un trattamento efficace è il risciacquo della gola; per questo, puoi utilizzare varie soluzioni, sia spray già pronti, sia diluire tu stesso soluzioni speciali. È più conveniente usare Miramistin (250 rubli), che viene venduto con uno spray di soluzione allo 0,01%, Octenisept (230-370 rubli), che viene diluito con acqua 1/5, così come Dioxidin (soluzione all'1% di 200 rubli 10 fiale), 1 amp. diluito in 100 ml di acqua tiepida (vedi elenco di tutti gli spray per la gola). L'aromaterapia può anche avere un effetto positivo se fai i gargarismi o inali oli essenziali: lavanda, melaleuca, eucalipto, cedro.
  7. Emollienti. Dal processo infiammatorio e dall'assunzione di alcuni medicinali compaiono secchezza delle fauci, sudore, mal di gola, nel qual caso è molto efficace e sicuro usare oli di albicocca, pesca, olivello spinoso, tenendo conto della tolleranza individuale di questi farmaci (assenza di reazioni allergiche). Per ammorbidire completamente il rinofaringe, uno qualsiasi di questi oli dovrebbe essere instillato nel naso in poche gocce al mattino e alla sera, quando l'instillazione della testa dovrebbe essere rigettata. Un altro modo per ammorbidire la gola è il perossido di idrogeno al 3%, ovvero la soluzione al 9% e al 6% deve essere diluita e gargarizzata il più a lungo possibile, quindi risciacquata con acqua tiepida.
  8. Nutrizione e dieta. La terapia dietetica è parte integrante del trattamento di successo, qualsiasi cibo duro, duro, speziato, fritto, acido, salato, affumicato, cibo molto freddo o caldo saturo di esaltatori di sapidità e additivi artificiali, alcol - peggiora significativamente le condizioni del paziente.

Metodi tradizionali

I metodi tradizionali di trattamento della tonsillite prevedono l'uso di varie infusioni e decotti per fare i gargarismi..

  • Risciacquare il rinofaringe con acqua calda salata aiuterà a curare la malattia a casa. Viene risucchiato attraverso il naso, pizzicando le narici sinistra e destra a turno e poi sputando.
  • Il succo di rafano fresco viene diluito con acqua tiepida e gargarizzato fino a 5 volte al giorno. Per aiutare la gola a combattere le infezioni, devi fare i gargarismi frequentemente..
  • Per il risciacquo, puoi usare un decotto di bardana, corteccia di quercia, iperico, lamponi, tintura di propoli, germogli di pioppo, salvia, acqua con aceto di mele, succo di mirtillo con miele e persino champagne caldo.
  • L'olio di basilico tratta le tonsille infiammate.
  • Per aumentare l'immunità, prendi decotti di marshmallow, camomilla, equiseto.
  • Le medicazioni al sale e gli impacchi di cavolo sulla zona della gola, così come le inalazioni di cipolle aiuteranno a migliorare le condizioni del paziente.

La tonsillite cronica viene trattata con rimedi popolari per 2 mesi, quindi fanno una pausa per due settimane e ripetono le stesse procedure, ma con ingredienti diversi. Il trattamento alternativo della tonsillite deve essere effettuato solo dopo aver consultato uno specialista. Se il risultato atteso è assente o compaiono effetti collaterali, il trattamento non tradizionale deve essere interrotto.

Quando è consigliata la rimozione delle tonsille??

Secondo l'approccio moderno, i medici cercano di evitare di rimuovere le tonsille, poiché svolgono un'importante funzione protettiva: riconoscono l'infezione e la ritardano. L'eccezione sono i casi in cui un focolaio infiammatorio cronico minaccia di causare gravi complicazioni. Sulla base di ciò, l'operazione per rimuovere le tonsille (tonsillectomia) viene eseguita rigorosamente secondo le indicazioni.

Indicazioni per la rimozione delle tonsille:

  • mal di gola purulenta più di 4 volte l'anno;
  • le tonsille ingrossate interferiscono con la respirazione;
  • il trattamento conservativo (assunzione di antibiotici, lavaggio delle tonsille e terapia fisica) non porta a un miglioramento duraturo;
  • complicazioni sviluppate in vari organi:
    • ascesso peritonsillare;
    • pielonefrite, glomerulonefrite post-streptococcica;
    • artrite reattiva;
    • lesioni della valvola cardiaca o miocardite;
    • insufficienza renale o cardiaca.

Controindicazioni assolute per la rimozione delle tonsille:

  • patologia del midollo osseo;
  • disturbi della coagulazione del sangue;
  • diabete mellito scompensato;
  • patologie cardiovascolari scompensate;
  • tubercolosi attiva.

Negli ultimi anni, in alternativa alla rimozione delle tonsille, è stata utilizzata la moxibustione con azoto liquido, un laser, l'elettrocoagulazione delle aree danneggiate delle tonsille. In questo caso, l'organo si libera del centro dell'infezione e continua a svolgere le sue funzioni..

Complicazioni

Se il mal di gola non viene trattato, darà complicazioni. Inoltre, sono molto diversi e considereremo i più comuni. La malattia può colpire vari organi e non tutte le conseguenze sono reversibili.

Quali sono le complicazioni:

  1. Otite media, bronchite e faringite.
  2. Reumatismi delle articolazioni e del cuore.
  3. Malattia renale, come pielonefrite o glomerulonefrite.
  4. Appendicite.
  5. Sepsi.

Se una persona ha avvelenamento del sangue, che è possibile con un prolungato decorso dell'infezione, le conseguenze saranno estremamente negative. Anche la morte è possibile nei casi avanzati. Per non dover affrontare complicazioni, è sufficiente impegnarsi in terapia in modo tempestivo.

Sotto la supervisione di un medico, puoi stare meglio dopo cinque giorni. In media, il trattamento richiede fino a due settimane. Ma vale la pena ricordare che ogni caso è individuale, quindi è impossibile dire in modo inequivocabile quanto velocemente una persona sarà in grado di riprendersi.

Prevenzione

Puoi prevenire lo sviluppo di tonsillite:

  • osservando le regole dell'igiene personale - è necessario monitorare la pulizia delle mani, igienizzare la cavità orale e il naso;
  • indurire il corpo - non surriscaldare il collo in inverno, fare i gargarismi con acqua fresca, mangiare il gelato, pulire il collo con un asciugamano umido, fare una doccia di contrasto;
  • mangiare bene: una quantità sufficiente di vitamine e oligoelementi nella dieta è la chiave per una forte immunità;
  • aerare regolarmente la stanza ed eseguire la pulizia a umido al suo interno;
  • visitare i medici in modo tempestivo per identificare e curare le malattie del cavo orale, del naso;
  • usare moderatamente gocce nasali per il raffreddore;
  • rifiutando gli allergeni tipici: miele, cioccolato, soprattutto se c'è una diagnosi di tonsillite cronica.

Trattamento della tonsillite

Prima o poi, ogni persona affronta il mal di gola. Ma questo sintomo apparentemente innocuo può causare seri problemi..

La tonsillite acuta (tonsillite) è una malattia infettiva che causa l'infiammazione delle tonsille. Le statistiche mostrano che circa il 15% dei bambini soffre della forma acuta della malattia. Nella popolazione adulta, questa cifra è inferiore - 5-10%. Ma quasi ogni prima persona soffre di tonsillite cronica nelle grandi aree metropolitane. Perché? Scopriamolo!

La tonsillite acuta, che va via con un aumento della temperatura corporea e un forte mal di gola, ci è più familiare come mal di gola. Nella forma cronica, il paziente può a lungo non immaginare nemmeno la presenza di questo disturbo. A una persona può sembrare che ricorrenti mal di gola e frequenti raffreddori siano semplicemente il risultato di un sistema immunitario indebolito. Un atteggiamento così disattento nei confronti della propria salute può causare gravi complicazioni e patologie. Per evitarli, è necessario diagnosticare il problema in tempo: conoscere i primi segni, sintomi e trattamento.

Perché sono necessarie le tonsille??

Le tonsille sono parte integrante del nostro sistema immunitario. E il loro scopo principale è proteggere il corpo dalla penetrazione di batteri e virus patogeni in esso. In totale, una persona ne ha sei: palatina e tubarica (accoppiati), faringea e linguale. Dai loro nomi, puoi capire approssimativamente in quale parte della faringe si trovano. La loro disposizione generale ricorda un anello. Questo anello funge da barriera per i batteri. Parlando di infiammazione delle tonsille, intendiamo solo le tonsille palatine (sono anche tonsille). Soffermiamoci su di loro in modo più dettagliato.

Se apri la bocca, allo specchio è facile vedere due formazioni che sembrano noci di mandorle: le tonsille, queste sono ghiandole. Ogni amigdala è costituita da piccoli fori (lacune) e canali sinuosi (cripte).

I batteri intrappolati nell'aria, a contatto con le tonsille, vengono respinti e immediatamente eliminati, senza avere il tempo di provocare lo scoppio di una malattia. Normalmente, una persona sana non sospetta nemmeno che al suo interno si stiano verificando delle vere ostilità. Ora capisci l'importanza della missione delle tonsille. Pertanto, un buon otorinolaringoiatra non si affretterà mai a raccomandare la loro rimozione. Anche se per sentire dal medico, parlando delle tonsille: "È necessario rimuovere!" - il fenomeno nel nostro tempo non è raro. Sfortunatamente, oggi non tutte le cliniche possono offrire un trattamento di alta qualità della tonsillite e l'appealability è a volte fuori scala. Ecco perché a volte è più facile per il medico licenziare e inviare il paziente all'operazione..

Varietà di tonsillite.

La malattia si manifesta in due forme: acuta e cronica. La tonsillite acuta è un disturbo di natura infettiva e si manifesta nell'infiammazione acuta della tonsilla. La causa dell'esacerbazione sono gli stafilococchi e gli streptococchi. L'angina acuta in un bambino e negli adulti è anche suddivisa in catarrale, follicolare, lacunare, membranosa ulcerosa e necrotica.

La tonsillite cronica è un processo infiammatorio lungo e persistente nelle ghiandole. Si manifesta come risultato di precedenti infiammazioni, infezioni virali respiratorie acute, malattie dentali e ridotta immunità. L'esacerbazione cronica della malattia negli adulti e nei bambini si manifesta in tre forme: compensata, subcompensata e scompensata. Nella forma compensata, la malattia "dormiente", l'esacerbazione dei sintomi della tonsillite si verifica raramente. Nel caso di una forma subcompensata della malattia, si verificano spesso esacerbazioni, la malattia è difficile, le complicanze non sono rare. La forma scompensata è caratterizzata da un andamento lento e prolungato.

Sintomi di tonsillite.

Un sintomo comune di entrambi i tipi è il mal di gola. Il dolore è allo stesso tempo grave e sopportabile. Il paziente avverte un grave disagio mentre mangia durante la deglutizione.

L'angina è molto più grave di una malattia cronica ed è accompagnata dai seguenti sintomi:

  • aumento della temperatura corporea (fino a 40 ° C);
  • mal di gola molto grave;
  • linfonodi ingrossati;
  • accumuli di pus sulle tonsille (placca, ascessi);
  • tonsille ingrossate;
  • mal di testa;
  • debolezza.

I sintomi e il trattamento della tonsillite cronica sono in qualche modo diversi dalle manifestazioni dell'angina. Con una malattia cronica, la temperatura viene mantenuta a 37 ° C. Si aggiungono mal di gola, tosse, alitosi. C'è un rivestimento bianco sulle tonsille. I sintomi sono meno pronunciati, poiché il decorso della malattia stessa è caratterizzato da remissioni ed esacerbazioni. Un paziente che soffre di una forma cronica della malattia perde la capacità di lavorare, si stanca rapidamente e perde l'appetito. Spesso una persona soffre di insonnia.

Possibili complicazioni.

Entrambe le forme di malattia, sia croniche che acute, possono provocare gravi complicazioni. Una delle conseguenze più gravi della malattia è il reumatismo. La pratica mostra che la metà dei pazienti affetti da reumatismi ha dovuto trattare la tonsillite cronica un mese prima o per trattare condizioni acute. La malattia stessa inizia con un dolore articolare insopportabile e un aumento della temperatura corporea..

Sono frequenti i casi di malattie cardiache causate da tonsillite. I pazienti hanno mancanza di respiro, interruzioni nel lavoro del muscolo cardiaco, tachicardia. Può svilupparsi miocardite.

Se l'infiammazione si diffonde ai tessuti adiacenti alla tonsilla, compare la paratonsillite. Allo stesso tempo, il paziente soffre di mal di gola, la temperatura aumenta. Se l'infezione dalle tonsille si diffonde ai linfonodi, compare la linfoadenite.

La tonsillite non trattata porta anche a malattie renali.

Gravidanza e tonsillite cronica.

La salute della futura mamma e del bambino richiede molta attenzione. Le complicazioni causate dalla malattia possono portare a conseguenze pericolose, incluso l'aborto spontaneo o provocare un parto prematuro. L'automedicazione in questo caso è pericolosa: è necessario sottoporsi a un trattamento con un ENT in clinica. Il medico prescriverà di lavare le tonsille, trattarle con ultrasuoni e gargarismi con antisettici sicuri per la futura mamma. La fisioterapia è controindicata per le donne in gravidanza.

Se stai solo pianificando una gravidanza, vale la pena eseguire una terapia programmata per la prevenzione al fine di ridurre l'effetto negativo dei patogeni sulle tonsille. Nella fase di pianificazione della gravidanza, si consiglia di sottoporsi a un esame per entrambi i genitori per ridurre il rischio di questa malattia nel bambino..

Tonsillite acuta. Trattamento.

L'automedicazione per questa malattia è inaccettabile! Per scegliere un metodo di trattamento efficace per un'esacerbazione, è necessario trattare la tonsillite nei bambini e negli adulti sotto la supervisione di un medico ORL. Va ricordato che la forma acuta della malattia è estremamente contagiosa. Quando compaiono i primi segni della malattia, è necessario prendere una serie di misure per facilitare la pronta guarigione del paziente:

Amici! Un trattamento tempestivo e corretto ti garantirà una pronta guarigione!

  • il paziente deve essere isolato collocandolo in un'altra stanza. Deve avere il suo asciugamano, biancheria e piatti, poiché la malattia è altamente contagiosa;
  • durante il periodo di terapia, al paziente viene mostrato un rigoroso riposo a letto;
  • prendersi cura della nutrizione del paziente: il cibo non deve essere solido, in modo da non causare problemi inutili per il mal di gola;
  • non dimenticare di bere molta acqua;
  • viene prescritto un ciclo di terapia antibiotica ("Amoxiclav", "Azithromycin", ecc.). È necessario bere completamente l'intero ciclo di antibiotici, anche se il paziente ha avvertito un notevole miglioramento;
  • per il trattamento locale vengono utilizzati farmaci con effetto antibatterico;
  • nel trattamento della gola con tonsillite, farmaci "Tantum-Verde", "Ingalipt",
  • risciacquo con antisettici ("Chlorhekidin", "Furacilin");
  • lubrificazione delle tonsille con la soluzione di Lugol;
  • per alleviare il gonfiore delle tonsille, è necessario assumere farmaci per le allergie;
  • a temperatura corporea superiore a 38 ° C, assumere farmaci antipiretici a base di ibuprofene o paracetamolo.

Trattamento della tonsillite cronica.

Quando si cura questo disturbo, si applica la regola: per trattare un'esacerbazione di tonsillite cronica è necessario in combinazione con il trattamento di malattie concomitanti del naso e del rinofaringe. L'infiammazione delle ghiandole può essere trattata, ma, ad esempio, il muco che scorre costantemente lungo la parete faringea a causa della costante infiammazione dei turbinati inferiori, provocherà una nuova infiammazione.

Le cliniche di tonsillite offrono due trattamenti: conservativo e chirurgico. Con forme compensate e subcompensate, viene prescritta una terapia conservativa. Nella forma scompensata, quando tutti i metodi di terapia conservativa sono stati provati e non hanno dato risultati, si ricorre alla rimozione delle tonsille. Ma perderli, una persona perde una barriera protettiva naturale, quindi il metodo chirurgico dovrebbe essere discusso come ultima risorsa..

La terapia farmacologica per la forma cronica della malattia include:

  • trattamento antibiotico, che è prescritto dall'otorinolaringoiatra;
  • l'uso di agenti antisettici (Miramistin, Octenisept);
  • antistaminici per alleviare il gonfiore delle ghiandole;
  • immunomodulatori per stimolare l'immunità indebolita (ad esempio, "Imudon");
  • rimedi omeopatici ("Tonsilgon", "Tonsillotren")
  • decotti di erbe: camomilla, salvia, spago;
  • gli analgesici sono prescritti se necessario;
  • aderenza alla dieta (sono esclusi cibi solidi, molto freddi o caldi, alcol, caffè e bevande gassate).

Lavaggio ghiandolare.

La procedura per lavare le tonsille ha un grande effetto positivo, a seguito della quale il pus viene rilasciato dalle lacune e il medicinale viene iniettato. Esistono diversi modi per eseguire la procedura.

Il modo più antico, per così dire, antiquato è l'igiene con una siringa. È usato abbastanza raramente a causa della sua bassa efficienza e trauma, rispetto all'emergere di metodi più moderni. La siringa viene utilizzata quando il paziente ha un forte riflesso del vomito o tonsille molto allentate.

In altri casi, viene utilizzato un metodo più efficace: lavaggio sottovuoto con un ugello speciale dell'apparato Tonsillor.

Ma non è privo di inconvenienti:

  • il contenitore in cui il contenuto purulento delle ghiandole viene "pompato fuori" è opaco e il medico non può vedere se il risciacquo è completo;
  • la particolarità della struttura dell'ugello è tale che quando viene raggiunta la pressione necessaria per il completo lavaggio, l'ugello può ferire le tonsille.

La nostra clinica per il trattamento della tonsillite offre ai suoi pazienti un'opzione alternativa indolore per il lavaggio delle tonsille utilizzando l'attacco Tonsillor migliorato: questo è il know-how della nostra clinica. Non ci sono analoghi del nostro ugello in altre istituzioni mediche a Mosca. Elimina gli inconvenienti del solito ugello: il contenitore per il lavaggio, che è attaccato all'amigdala, ha le pareti trasparenti e l'otorinolaringoiatra può vedere cosa "esce" dalle tonsille. Ciò elimina le manipolazioni non necessarie. L'ugello stesso non è traumatico e può essere utilizzato anche dai bambini in età scolare.

Terapia complessa di tonsillite cronica nella clinica ENT del dottor Zaitsev.

Il metodo di trattamento complesso della malattia non è apparso immediatamente. I nostri specialisti hanno provato vari metodi per trattare la tonsillite nella pratica. Come risultato di molti anni di esperienza nello studio e nel trattamento della tonsillite cronica, questa tecnica ha messo radici ed è la più efficace. Comprende diverse fasi.

Il primo stadio è l'anestesia delle ghiandole. La tonsilla è lubrificata con lidocaina. Il secondo stadio è il lavaggio sottovuoto delle tonsille da masse caseose. La terza fase è il trattamento farmacologico delle tonsille mediante ultrasuoni. Il quarto stadio: irrigazione delle ghiandole con un antisettico.

Fase cinque: lubrificazione della superficie delle tonsille con la soluzione antisettica di Lugol. Il sesto stadio è la fisioterapia laser: questa procedura allevia il gonfiore e l'infiammazione delle ghiandole. Lo stadio successivo è un effetto vibroacustico sulle tonsille, grazie al quale il flusso sanguigno scorre direttamente alle tonsille e le sostanze patogene vengono rimosse con esso. La fase finale del trattamento complesso è una sessione di irradiazione ultravioletta, che guarisce le ghiandole e combatte i patogeni.

L'intera sessione dura circa venti minuti. Per ottenere un risultato positivo, il paziente di solito necessita di cinque procedure complesse.

Trattamento della tonsillite a Mosca

Per curare la tonsillite cronica a Mosca, infatti, come la forma acuta della malattia, è necessaria solo da un otorinolaringoiatra. La cosa principale è scegliere l'istituto medico giusto in cui ti verrà fornita assistenza qualificata. Curare la tonsillite presso la clinica Doctor Zaitsev significa affidare la propria salute a professionisti. Attrezzature moderne e metodi di trattamento brevettati ci consentono di fornire l'assistenza più efficace ai pazienti. I nostri prezzi rimangono uno dei migliori a Mosca, poiché il nostro prezzo è rimasto al livello del 2013. Puoi iscriverti alla clinica chiamando la reception tutti i giorni dalle 9:00 alle 21:00 o tramite il modulo di registrazione online sul sito. Vieni, saremo felici di aiutarti!

Per Maggiori Informazioni Su Bronchite

Trattiamo la tosse con glicerina con limone e miele

Quasi tutte le malattie del tratto respiratorio superiore sono accompagnate da tosse. Questo sintomo riduce drasticamente la qualità della vita di una persona, ma è molto importante per il recupero, poiché è parte integrante della difesa immunitaria.