Influenza con l'allattamento al seno

Le difese naturali del corpo femminile si indeboliscono dopo il parto. Ciò aumenta il rischio di infezione. Le malattie più comuni in agguato in questo periodo sono l'influenza e l'ARVI. Pertanto, è importante sapere quale dovrebbe essere il trattamento competente dell'influenza con HB, in modo da non causare il minimo danno al neonato..

Perché l'influenza è pericolosa durante l'allattamento

Molte giovani madri, con l'influenza, rifiutano di allattare per paura di infettare il loro bambino. Questo è l'approccio sbagliato, poiché durante l'allattamento il corpo femminile produce attivamente immunoglobuline, che vengono trasmesse al bambino insieme al latte materno. Sono questi anticorpi che contribuiscono allo sviluppo di una forte immunità all'influenza nel bambino. Tuttavia, si consiglia di indossare una maschera di garza prima di nutrirsi.

Se l'immunità del bambino non è abbastanza forte, il rischio di infezione con l'influenza è probabile con complicazioni successive. Parlando del pericolo di influenza durante l'allattamento, va notato anche l'impatto negativo sul fragile corpo del bambino di medicinali selezionati in modo improprio.

Sintomi della malattia

Esistono diversi segni tipici dell'influenza che aiutano a determinare lo sviluppo di una malattia virale nella fase iniziale..

  • temperatura corporea elevata;
  • mal di testa;
  • una sensazione di dolori alle articolazioni e ai muscoli;
  • mal di gola e tosse;
  • rinorrea.

Questi sintomi influenzali possono durare una settimana. A volte la malattia si diffonde ai polmoni, provocando lo sviluppo di bronchite. A rischio di asmatici, persone con un sistema immunitario debole, fumatori e anziani.

Differenze tra influenza e raffreddore

Nell'industria medica, non esiste un termine come "il comune raffreddore". Questo è il nome colloquiale generale per le malattie respiratorie acute batteriche. Una diagnosi accurata può essere fatta solo sulla base dei risultati dei test, ma ci sono segni con i quali è possibile distinguere l'influenza dalla SARS.

L'influenza è caratterizzata da uno sviluppo rapido e acuto. Al mattino si può stare benissimo, ma già all'ora di pranzo si nota un aumento della temperatura fino a 38-39 ° C. I segni concomitanti dell'influenza sono:

  • arrossamento e irritazione, lacrimazione e prurito agli occhi;
  • chiaro scarico liquido dai passaggi nasali.

Le infezioni respiratorie acute batteriche si sviluppano più lentamente. Un aumento della temperatura corporea a 39 gradi e oltre si verifica gradualmente. Allo stesso tempo, le lesioni locali compaiono sotto forma di:

  • corizza con caratteristico scarico giallastro o verdastro dal naso;
  • forte dolore alla gola;
  • otite media, bronchite.

Devo chiamare un dottore?

Con lievi sintomi influenzali, puoi far fronte alla malattia da solo.

Le cure di emergenza sono necessarie solo se si verificano i seguenti sintomi della malattia:

  • un improvviso e forte aumento della temperatura corporea fino a 40 ° C;
  • grave mancanza di respiro e tosse;
  • sensazioni dolorose nella zona del torace;
  • febbre prolungata che non scompare entro tre giorni;
  • disordini gastrointestinali;
  • mal di testa intenso;
  • nausea grave, spesso accompagnata da vomito.

Con tali sintomi influenzali, non puoi rischiare sia la tua salute che quella di un neonato, quindi è consigliabile cercare l'aiuto dei medici.

È possibile allattare al seno?

I pediatri insistono sul fatto che non dovresti interrompere l'allattamento al seno con l'influenza. Il virus di questa malattia non si trasmette con il latte materno..

Precauzioni per l'allattamento al seno

Lo sviluppo dell'influenza durante l'allattamento richiede l'adozione di alcune precauzioni per prevenire le complicanze della malattia:

  1. Prendi medicine sicure come raccomandato dal tuo medico. È esclusa qualsiasi automedicazione in questa situazione..
  2. Per evitare l'infezione per via aerea del bambino con il virus dell'influenza, indossare una benda di garza medica prima dell'allattamento al seno..
  3. Per proteggersi dalle complicazioni dovute a grave intossicazione, bere circa due litri di liquido al giorno. Preferibilmente tre volte al giorno.
  4. Assicurati di rimanere a letto e di riposarti.
  5. Prendi i rimedi popolari dopo aver consultato il tuo medico.

Come trattare adeguatamente l'influenza con HB

Il trattamento dell'influenza durante l'allattamento al seno deve essere affrontato con la massima responsabilità in modo da non danneggiare il bambino. È importante selezionare medicinali sicuri che forniscano il miglior effetto terapeutico in combinazione con i rimedi erboristici tradizionali.

Inoltre, in caso di malattia, si consiglia di fare inalazioni su vapore di patate e vaporizzare quotidianamente i piedi in acqua calda con l'aggiunta di oli essenziali e decotti alle erbe.

Tattiche di trattamento quando compaiono i primi sintomi

Se compaiono i sintomi iniziali dell'influenza, la madre che allatta deve fornire a se stessa condizioni confortevoli per una pronta guarigione di successo..

Questo richiede:

  1. La stanza dovrebbe mantenere costantemente una temperatura dell'aria di circa 20 gradi Celsius. Indossa abiti comodi per te e il tuo bambino.
  2. Assicurati che il livello di umidità sia sempre ottimale. Umidificatori speciali proteggono dall'essiccazione indesiderata dell'aria nella stanza.
  3. Bere spesso grandi quantità di liquidi: acqua calda con limone, tisane, bevande alla frutta, decotto di rosa canina. Questo non solo indebolirà i primi sintomi dell'influenza, ma contribuirà anche all'eliminazione delle tossine dal corpo..
  4. Prendi il cibo solo per l'appetito, quando il corpo stesso ti farà sapere che ha bisogno di rinforzo.
  5. Fornire un ambiente calmo e confortevole il più possibile.

Scegliere i fondi per il trattamento

La selezione dei farmaci per l'influenza durante questo periodo deve essere molto scrupolosa. Considera quali medicinali farmaceutici sono accettabili per l'allattamento al seno e fai anche conoscenza con metodi popolari sicuri ed efficaci.

Farmaco

Per alleviare i sintomi dell'influenza con l'epatite B, si consiglia di assumere farmaci che abbiano effetti antivirali, immunomodulatori e antipiretici.

I farmaci immunomodulanti e antivirali aumentano le difese naturali dell'organismo e combattono l'agente eziologico della malattia. Questa categoria include:

  • "Grippferon" a base di interferone alfa-2b. Disponibile sotto forma di un unguento, gocce e spray. Previene lo sviluppo di complicanze e ha un efficace effetto preventivo.
  • Tamiflu è un farmaco antivirale a base di oseltamivir fosfato. Prodotto sotto forma di capsule e polvere per la preparazione della sospensione.
  • L'aflubina è un altro farmaco sicuro presentato sotto forma di gocce e compresse. Questo rimedio omeopatico contiene aconito, genziana gialla, brionia, acido lattico e fosfato di ferro..

Gli antipiretici e gli analgesici approvati per l'influenza includono:

  • "Efferalgan" a base di paracetamolo. Combatte efficacemente la temperatura.
  • "Antigrippin" è un medicinale omeopatico con un effetto complesso che elimina il dolore, abbassa la temperatura, riduce la congestione nasale e la lacrimazione.
  • Il "Nurofen" per bambini è un farmaco a base di ibuprofene. È molto efficace contro l'influenza: elimina l'infiammazione acuta, normalizza la temperatura corporea e allevia il dolore.

Contro la congestione nasale con influenza, si consiglia di utilizzare preparati topici "Aqualor" e "Aqua Maris".

Contenenti acqua di mare, riducono il gonfiore della mucosa nasale e combattono anche batteri e virus.

Rimedi popolari

Ora devi capire cosa bere dai rimedi popolari per curare la malattia con l'epatite B:

  1. Per un forte mal di gola, una vecchia ricetta aiuterà: latte caldo con burro e miele.
  2. Tè con viburno. Per questo, sono adatte bacche di qualsiasi forma: fresche, essiccate o grattugiate con zucchero..
  3. Il succo di mirtillo rosso, ricco di acido ascorbico, distrugge i batteri e rafforza il sistema immunitario.

Gargarismi alla gola e al naso

Per sciacquare la gola e il naso con una malattia, si consigliano le seguenti opzioni:

  1. Sciogliere mezzo cucchiaino di sale e soda in un bicchiere di acqua calda bollita. Fai i gargarismi una volta ogni tre ore.
  2. Spremi il succo di una foglia di aloe di medie dimensioni in un bicchiere d'acqua. Mescola e usa allo stesso modo. Per lavare i passaggi nasali nella soluzione preparata, è necessario inumidire i tamponi di cotone.
  3. Usa una soluzione di sale marino delicato per sciacquare il naso. In questo caso vengono utilizzati anche tamponi di cotone..

Modalità e alimentazione

È importante garantire il riposo a letto e un riposo adeguato. Mangiare l'influenza è altrettanto importante.

In caso di malattia, la dieta dovrebbe contenere:

  • frutta dolce, bevande con miele, riso, semolino e farina d'avena, nonché altri cibi ricchi di carboidrati veloci e saturanti il ​​corpo di energia;
  • brodo di pollo e altri alimenti proteici: stimola la produzione di muco, riduce la viscosità dell'espettorato e facilita la tosse;
  • Alimenti ricchi di vitamina C: peperoni rossi, rosa canina, ribes nero e crauti.

Prevenzione dell'influenza durante l'allattamento

L'allattamento è un periodo molto cruciale, perché in questo momento si forma l'immunità dei bambini.

È importante adottare misure preventive per proteggersi dall'influenza:

  • prendere complessi multivitaminici;
  • evitare di visitare luoghi pubblici troppo affollati;
  • ventilare la stanza almeno tre volte al giorno;
  • applicare un unguento antivirale prima di uscire di casa;
  • fare frequenti passeggiate all'aria aperta e vestirsi in modo appropriato per il tempo;
  • utilizzare sapone per le mani antibatterico;
  • rafforzare il sistema immunitario attraverso una dieta vitaminica equilibrata.

Influenza durante l'allattamento nella mamma: come essere trattata

L'influenza è una malattia piuttosto insidiosa, dopo di che possono comparire complicazioni su qualsiasi organo. E durante il periodo di alimentazione naturale di un neonato, ancora di più, perché il corpo della donna non è ancora abbastanza forte dopo il parto ed è più suscettibile alle infezioni da malattie virali che mai. Ma, essendoti ammalato, non dovresti interrompere l'allattamento, vale la pena concentrarsi su cosa e come trattare l'influenza durante l'allattamento. Il bambino, invece, è sotto la protezione affidabile del latte materno, con il quale riceve gli anticorpi in caso di malattia..

L'influenza durante l'allattamento al seno è una malattia molto spiacevole. La debolezza con esso non ti consente di dedicarti completamente al bambino, ma non dovresti interrompere l'allattamento con l'influenza.

Quello che viene chiamato l'influenza

L'influenza è principalmente un virus che ha un periodo di incubazione da due ore a tre giorni. È abbastanza facile prendere l'influenza con HV, particolarmente nel periodo autunno-inverno o durante un'epidemia, e la malattia, di regola, procede in una forma acuta. In totale sono state identificate più di 2mila varietà di influenza, la cui mortalità è piuttosto alta.

Perché appare e come viene trasmesso

L'infezione da virus avviene attraverso il contatto ravvicinato con una persona malata o in qualsiasi luogo pubblico, non appena il paziente starnutisce o tossisce. In questo caso, una persona già infetta potrebbe non essere ancora a conoscenza della malattia, ma già infettare altri, poiché l'infezione può verificarsi sia prima che compaiano i primi segni di danno al corpo, sia durante il decorso della malattia (fino al settimo giorno).

Sintomi della malattia

I sintomi dell'influenza differiscono poco dai sintomi di qualsiasi malattia virale. Esso:

  • febbre, aumento significativo della temperatura e piuttosto acuto;
  • mal di gola e dolore;
  • tosse;
  • naso che cola e improvvisa congestione nasale;
  • mal di testa, letargia, dolori articolari.

Possibili conseguenze

L'influenza è una malattia imprevedibile. Possono infettarsi rapidamente e ammalarsi in un paio di giorni, oppure può richiedere molto tempo e difficile guarire da esso. A volte la malattia è troppo aggressiva, le forme gravi della malattia possono essere fatali.

Un'infezione virale è insidiosa in quanto quando il corpo è danneggiato, le malattie croniche che in precedenza non infastidivano il paziente vengono esacerbate.

C'è anche un grande rischio di ottenere una complicanza su qualsiasi organo: da danni al sistema respiratorio al sistema nervoso, ai reni, al cuore.

Come distinguere l'influenza dal comune raffreddore

Poiché, come detto, c'è un grande pericolo di contrarre una complicanza quando si contrae l'influenza, è meglio identificare la malattia già in una fase precoce per iniziare subito il trattamento. Ma i segni dell'influenza che sono comparsi possono essere facilmente confusi con ARVI o ARI. I raffreddori non sono così pericolosi per una donna che allatta, perché i batteri che sono entrati nel corpo possono essere facilmente curati con antibiotici. Ma per sbarazzarsi dell'influenza, questa categoria di farmaci è inefficace. È abbastanza difficile riconoscere la vera malattia da soli, quindi non puoi esitare e anche ai primi sintomi dovresti chiamare un medico.

Distinguere l'influenza dalla SARS è difficile, ma possibile. Dopo aver consultato un medico, una madre che allatta riceverà immediatamente le cure necessarie e appropriate in ogni caso..

Differenze tipiche tra raffreddore e virus dell'influenza:

  1. Nelle fasi iniziali dello sviluppo della malattia, il virus dell'influenza dà un brusco salto di temperatura e con la SARS la salute si deteriora gradualmente.
  2. Temperatura corporea - con il raffreddore, puoi vedere un leggero aumento sul termometro - in media, 37-38 gradi, e con l'influenza, la temperatura è alta e si allontana molto - 39-40 gradi.
  3. Mal di testa - se nel primo caso la testa fa male solo occasionalmente, allora con l'influenza il dolore è costante, trasformandosi spesso in emicrania.
  4. Naso che cola - ARVI è caratterizzato da congestione nasale, starnuti e gonfiore delle mucose nei primi giorni della malattia. L'influenza, al contrario, molto spesso lascia il naso libero, un naso che cola non viene praticamente osservato o si manifesta sotto forma di esacerbazione di una malattia cronica (se la madre ne ha uno).
  5. Gola: una malattia del raffreddore colpisce spesso il rinofaringe, la gola fa male, diventa rossa. E con un virus - le sensazioni dolorose alla gola si avvertono meno spesso, il dolore acuto è quasi sempre assente.
  6. Tosse - con ARVI o ARI secca, con recupero che si trasforma in umido. L'influenza può colpire i bronchi sia immediatamente che manifestarsi come una tosse secca già un paio di giorni dopo l'infezione.
  7. I linfonodi si ingrandiscono solo con il raffreddore.
  8. Il virus dell'influenza provoca dolori muscolari, dolori muscolari. I batteri non possono causare tale dolore o il dolore muscolare minore scompare dopo due o tre giorni..
  9. Apparato digerente: i disturbi possono verificarsi solo nel secondo caso: nausea, diarrea. ARVI non influisce sul tratto digestivo.
  10. La condizione fisica in generale: una persona può sopportare il raffreddore ai piedi, la malattia scompare in pochi giorni, in generale provoca solo un leggero affaticamento. Con l'influenza, il corpo è esausto, ti senti molto stanco, a volte questo periodo dura a lungo dopo che la malattia si è ritirata.
  11. Il periodo di malattia - le infezioni respiratorie acute di solito dura una settimana, mentre il malessere e tutti gli altri sintomi si manifestano attivamente solo nei primi giorni. E con l'influenza, solo una temperatura può durare fino a 5 giorni e la malattia stessa di solito dura circa 10 giorni, dopo di che le sue conseguenze si fanno sentire a lungo..

Trattamento dell'influenza per l'allattamento al seno

Il trattamento dell'influenza durante l'allattamento è molto diverso dal trattamento di una malattia infettiva nella persona media. Dopotutto, la malattia può colpire non solo la madre stessa, ma anche il bambino. Sebbene il latte materno sia una fonte di immunoglobuline per il neonato, attraverso il quale viene attivata l'immunità passiva nel bambino. Ma una madre malata, in ogni caso, dovrebbe indossare una maschera quando è a contatto con un bambino, perché un bambino può essere infettato da goccioline trasportate dall'aria e, anche se in forma debole, subire una grave malattia. Naturalmente, il riposo, il sonno sano e una dieta equilibrata non devono essere sottovalutati quando si è malati..

Bere molti liquidi, riposare a letto, arieggiare la stanza in assenza di madre e figlio: tutte queste semplici regole aiuteranno una donna che allatta a riprendersi più velocemente.

Medicinali per il trattamento dell'influenza che possono essere utilizzati con l'HV

Poiché non è consigliabile interrompere l'allattamento in caso di malattia, per il trattamento vengono prescritti farmaci consentiti ai bambini. Ad esempio, Aflubin o Nurofen, se è necessario alleviare un sintomo di febbre. Tra i farmaci "adulti" durante l'allattamento con l'influenza, è consentito assumere paracetamolo o ibuprofene, ma solo in stretta conformità con il dosaggio prescritto. Questi farmaci antinfluenzali non devono essere assunti per più di tre giorni..

L'ascorutina aiuta a curare la tosse, ma è anche estremamente importante consultare un terapista prima di usarla. Dei farmaci antivirali quando si alimenta un bambino, Viferon nelle candele, gocce di Grippferon sono i più sicuri.

Medicinali tradizionali raccomandati per le madri che allattano

Indubbiamente, il trattamento dell'influenza durante l'allattamento viene spesso effettuato con l'aiuto di rimedi popolari. La cosa principale è che la donna e il bambino non hanno reazioni allergiche a determinati componenti della medicina tradizionale. In alternativa al trattamento farmacologico, utilizzare:

  1. Tè caldo al limone e un po 'di miele.
  2. Tasse del seno della farmacia dalle erbe.
  3. Tè al lampone, ribes o viburno.
  4. Latte caldo con miele.

Puoi integrare il trattamento:

- "gocce" naturali per il naso, ad esempio propoli;
- applicare impacchi;
- calzini con senape - il condimento secco viene versato nella calza e indossato per tutto il giorno;
- inalazione su patate bollite.

Trattamento omeopatico

L'omeopatia è anche un trattamento approvato per l'influenza durante l'allattamento. Inoltre, tali fondi non hanno praticamente controindicazioni. Poiché il benessere di una donna malata migliora entro poche ore dall'assunzione di tali fondi, possono essere utilizzati anche prima dell'arrivo del medico e della diagnosi..

Tali farmaci mirano principalmente ad aumentare l'immunità, in modo che il corpo stesso combatta una malattia infettiva.

È possibile attaccare un bambino al seno con l'influenza

In risposta a questa domanda, puoi quasi sempre sentire - non possibile, ma necessario. L'alimentazione naturale viene interrotta solo in casi estremi. In generale, il virus dell'influenza non è un motivo per svezzare un bambino. Pur mantenendo l'allattamento al seno, il bambino non avrà bisogno di essere trasferito a una formula, ma con il latte riceverà gli anticorpi necessari e rafforzerà il sistema immunitario. Hai solo bisogno di affrontare attentamente la questione del trattamento e della scelta dei farmaci e in nessun caso violare il dosaggio raccomandato. Allo stesso tempo, alcune donne cercano di nutrire il bambino con il latte estratto da una bottiglia e talvolta lo fanno bollire. Non vale la pena fare né l'uno né l'altro, poiché è molto più facile per un bambino bere il latte da una bottiglia e, dopo che la madre si riprende, il bambino potrebbe rifiutarsi di tornare al seno. L'ebollizione rovina il gusto del latte e uccide tutte le proprietà benefiche di un alimento così prezioso. Pertanto, la malattia della madre non dovrebbe influire in alcun modo sul regime alimentare del neonato..

Prevenzione dell'influenza durante l'allattamento

Temendo complicazioni dopo una malattia così grave, una giovane madre può prendere tutte le misure preventive possibili per non ammalarsi, questo è particolarmente vero in autunno e in inverno. Bisogno di:

  • il più spesso possibile (almeno una volta al giorno) eseguire la pulizia a umido e arieggiare gli ambienti della casa;
  • con una soglia epidemiologica aumentata, è meglio limitarsi a visitare luoghi affollati;
  • puoi prendere le vitamine consentite (specialmente C) con hv, per preparare l'immunità alle infezioni;
  • concentrarsi su un'alimentazione equilibrata e corretta;
  • in caso di maltempo o gelo, una madre che allatta dovrebbe essere vestita per il tempo, in modo che sia calda e asciutta;
  • durante un'epidemia, prima di uscire all'aria aperta, puoi lubrificare la cavità nasale con unguento ossolinico;
  • al rientro dai luoghi pubblici lavarsi bene le mani con il sapone.

Se è consentito o meno un vaccino antinfluenzale durante l'allattamento

La somministrazione obbligatoria del vaccino è necessaria solo per quelle madri che sono a rischio. Cioè, appartengono ai diabetici o c'è un alto rischio di ottenere gravi complicazioni dopo una precedente malattia. Tali vaccinazioni non influenzano il bambino, ma la madre può avere una leggera reazione: febbre, malessere. Tali conseguenze passano abbastanza rapidamente - in 1-2 giorni.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda che le donne che allattano e le loro famiglie si vaccinino contro l'influenza, poiché è meglio prevenirla che affrontarne gli effetti..

Se vengono prese misure preventive, una donna che allatta ha tutte le possibilità di non contrarre una malattia pericolosa. E in caso di infezione, la cosa principale è non esitare a chiamare un medico e non auto-medicare. Dopotutto, prendere le medicine sbagliate può fare molti più danni dell'influenza..

Madre che allatta: l'influenza non è così grave come la sua. pubblicizzare

Fuori è inverno, ma abbiamo la primavera: un neonato, l'allattamento, la crescita e la fioritura. Ebbene, chi può dire che non sia primavera nelle nostre anime ?! E se è così, allora è il momento di mettere da parte le paure autunno-inverno su raffreddori e influenza.

La gioia nell'anima è il nostro primo e chiaramente sottovalutato scudo nella lotta contro le infezioni. Gli immunologi dicono che la malattia non è solo un'infezione. Questa è la somma: stress più infezione. E la maggior parte del nostro stress: i nostri nervi, l'incapacità di vedere il positivo o il desiderio di vedere il negativo. Allora perché aumentiamo le possibilità di ammalarci noi stessi? Perché non sono così sicuri delle loro capacità contro qualche moccio?

Il secondo scudo è il seno di nostra madre. Come si canta in canti galanti: "Incontreremo il nemico con il nostro petto!" Nel nostro caso, questo è letteralmente vero. In effetti, durante l'allattamento, la circolazione sanguigna nel petto è molto più intensa. E il latte ha una composizione molto simile al sangue. La natura ha previsto che tutte le cose più necessarie siano nel latte, quindi il livello di protezione immunitaria in una madre che allatta è molto più alto di quello di una donna normale e il latte stesso protegge sia la madre che il bambino.

Concentrandosi su

Per smettere di aver paura di qualcosa, devi guardarlo bene. Come si suol dire, devi conoscere il nemico di vista.

Quindi il "freddo". Quindi nella vita di tutti i giorni chiamiamo una serie di malattie del naso, della gola e dell'orecchio. Sotto il concetto di "freddo" includiamo: infezioni virali, infezioni batteriche ed esacerbazioni di disturbi cronici. Caso difficile - "complicazioni", la parola è molto simile alla parola "sovrapposizione" - un problema su un altro. Ad esempio, sullo sfondo di una diminuzione dell'immunità, la "cronicità" è aggravata e un'infezione virale o batterica è "sovrapposta" ad essa. O viceversa: abbiamo contratto un'infezione che ha minato le nostre forze e provocato un inasprimento del "cronico". Oppure un'infezione virale ha creato una base per lo "sbarco" di un'infezione batterica. O vice versa.

Ma l'influenza è ancora isolata da altri "raffreddori" virali, o ARVI. Ed ecco perché. Il virus dell'influenza, più di altri "analoghi" virali, è in grado di ridurre l'immunità e quindi provocare "complicazioni". Pertanto, dobbiamo prenderlo sul serio..

Madre Natura ha tutto in equilibrio qui: poiché l'influenza è più pericolosa di altre infezioni virali respiratorie acute, allora è più facile diagnosticare. L'influenza ha manifestazioni molto caratteristiche. In particolare, un inizio molto luminoso della malattia.

L'influenza di solito inizia all'improvviso: sei appena stato sano e letteralmente entro 10 minuti senti di essere molto malato. Con l'influenza, tutti i sintomi del raffreddore sono possibili contemporaneamente:

  • febbre alta e brividi allo stesso tempo;
  • dolore e dolori in tutto il corpo - sia nei muscoli che nelle ossa (specialmente nel sacro);
  • occhi irritati, lacrimazione, intolleranza alla luce intensa;
  • mal di testa;
  • mal di gola, tosse secca.

L'influenza suina è una delle varianti influenzali. Ha le stesse manifestazioni più alcune caratteristiche "personali":

  • fin dall'inizio - tosse secca, che si trasforma molto rapidamente in umido;
  • grave debolezza;
  • a volte diarrea, vomito.

Applaudiamo secondo le regole

E se tu, una madre che allatta, "prendessi ancora un raffreddore"? Coloro che preferiscono i metodi di trattamento allopatici devono scoprire con l'aiuto di un medico se si tratta di un'infezione batterica o virale e, quindi, quali farmaci assumere: antivirali o antibatterici. Il medicinale scelto deve essere compatibile con l'allattamento al seno.

Se credi nella tua difesa immunitaria, allora aiutiamo il nostro esercito immunitario con tutti i mezzi! Per prima cosa, creiamo condizioni di vita sfavorevoli per l '"aggressore". Cosa significa?

    Mantenere la temperatura nella stanza non superiore a 18-20 o C. Noi stessi vestiamo in modo caldo e confortevole. Il fatto è che in un'atmosfera calda e secca, la mucosa del rinofaringe si secca e non può più agire come prima barriera naturale. Al contrario, il muco diventa viscoso, rendendo difficile respirare correttamente, cioè attraverso il naso..

Sarebbe bene ventilare spesso la casa, fare la pulizia con acqua o usare un umidificatore. Sarà più corretto vestirsi calorosamente che accendere il riscaldamento.

Bere molto (ottimale - solo acqua pulita). Oppure succhi, composte, bevande alla frutta, tè. Il fatto è che a temperature elevate, sudorazione e respirazione attraverso la bocca, la perdita di liquidi aumenta notevolmente. Il muco diventa più viscoso, anche il sangue e, di conseguenza, la circolazione sanguigna diventa più difficile. Aiuta anche a scovare le tossine dal corpo. Se bevi una tisana, ricorda che molte erbe diuretiche sono anche un po 'lattogoniche. La salvia e la menta, invece, hanno un effetto lattico..

(A proposito, se guardiamo attentamente a come si comportano gli animali, ad esempio i cani, durante la malattia, vedremo diversi tratti caratteristici. Si consiglia di esaminarli più da vicino e anche adottarli.)

  • Ce ne Poco. Più precisamente, c'è solo allora e quello che vuoi (e, di regola, NON vuoi). Non hai bisogno di mangiare perché “hai bisogno di mangiare”. L'esaurimento della fame chiaramente non minaccia la maggior parte di noi, ed è irragionevole ritardare le forze in “prima linea” per creare già notevoli riserve di cibo. Quando il corpo inizia a riprendersi, esso stesso ti ricorderà che è ora di mangiare.
  • Pace. Durante la malattia, gli animali si nascondono negli angoli più lontani e tranquilli e preferiscono ammalarsi da soli. E non per non contagiare i parenti, ma perché è più facile così. Ascolta te stesso e se il tuo corpo ti dice la stessa cosa, significa che è giusto per te ora..
  • In pratica, questo può significare riposo a letto o mezzo letto: con un neonato nei primi mesi di vita è facile organizzarsi, e un bambino più grande è felice di sdraiarsi con la madre, i libri giocattolo e la sorella, disponibili in qualsiasi momento. Concediti una "vacanza" temporanea da tutte le attività ad alta intensità energetica (pulire, cucinare, uscire). Ci sono assistenti: sei fortunato, per loro sono affari. Non c'è nessuno che si occupi delle pulizie e che "sia attivo" con il bambino - credimi, non succederà nulla al bambino in un giorno senza camminare. E diventerai più forte durante questo periodo. Una madre che allatta (al contrario di un impiegato) ha il diritto di ammalarsi - dopotutto, a causa di una malattia ragionevolmente portata avanti, la salute aumenterà di conseguenza e tu ne hai ancora davvero bisogno!

    Ma torniamo agli animali che osserviamo. Abbiamo elencato tutto ciò che gli animali fanno quando sono malati. E, di regola, guariscono! Non è abbastanza per le persone? Bene, aggiungiamo.

    Siamo trattati

    Puoi usare i rimedi naturopatici che hanno funzionato per te prima. "Aiutato" - lo intendiamo letteralmente: hanno aiutato il tuo corpo a combattere le infezioni, rafforzando la tua immunità, o localmente - come agenti battericidi.

    Si tratta di miele, propoli (sia localmente che internamente), gocce nasali di cipolla, soluzione di sale marino o "Aquamaris" e gocce nasali omeopatiche "Euphorbium compositum spray".

    E ancora. Ora hai un nuovo modo per preparare le gocce nasali: il latte materno. (Dicono che gli australopitechi avessero ghiandole mammarie molto lunghe - per nutrire il bambino quando cammina, quando si siede sulla schiena. Ma, probabilmente, non gli è mai venuto in mente di seppellire il latte nel naso. In viaggio. E con il raffreddore probabilmente avevano diversamente.) Dovremo spremere il latte, riempire la pipetta e metterla nel naso. Il latte appena spremuto ha un forte effetto antinfiammatorio, soprattutto se è già prodotto nel processo del tuo corpo che combatte questa infezione - la protezione sarà "personalizzata".

    Una temperatura elevata in caso di malattia indica che il corpo è a conoscenza della malattia e prende misure tempestive: sviluppa una protezione immunitaria. I "raffreddori" accompagnati da una febbre alta hanno la possibilità di passare più velocemente di quelli pigri, con una temperatura di circa 37,5 ° C. E se abbassi immediatamente la temperatura elevata, non dai alla tua immunità l'opportunità di "riconoscere e ricordare" questa particolare infezione, avendo sviluppato una forte immunità ad essa. Ciò significa che c'è la possibilità di ammalarsi di nuovo. È un peccato, vero? Inoltre, molte infezioni batteriche non tollerano la febbre alta..

    Quindi, è consigliabile non abbattere la temperatura fintanto che puoi tollerarla. Se sei già insopportabile, puoi prendere il paracetamolo. Ricorda, gli antibiotici e l'aspirina non sono raccomandati per l'influenza..

    E di più su cosa non fare. Non sollevare le gambe, poiché ciò provoca il flusso di sangue ai genitali femminili e può aumentare il flusso di sangue al petto - questo provocherà un potente flusso di latte e, probabilmente, il suo ristagno. E in generale, durante l'allattamento, le procedure di riscaldamento generale non sono raccomandate, perché la temperatura nel seno di una madre che allatta è già normalmente aumentata.

    Alimentazione

    Le madri che allattano devono prestare attenzione a un'altra cosa. Un'infezione che scende attivamente - sotto la gola, ha la possibilità di causare gonfiore al torace (lo stesso del naso quando è difficile respirare), che può portare, di nuovo, al ristagno del latte. Molto probabilmente, non è stata l'infezione in sé a "sedersi" sul petto, causando l'edema, ma semplicemente un potente afflusso di sangue ha fatto il suo lavoro: è arrivato più latte del necessario. Pertanto, è importante applicare il bambino al seno in tempo per evitare di riempirlo eccessivamente. L'alimentazione durante il raffreddore e l'influenza è possibile e necessaria.

    Cercare di isolarsi dal bambino non è l'opzione migliore, perché in questo caso si possono avere molti "effetti collaterali". Eccitazione per il bambino, che "come sta lì - senza una madre?"; la necessità di spremere per sostenere l'allattamento e non provocare ristagni di latte; la necessità di continuare a temere per il bambino - dopotutto, loro stessi lo hanno privato dell'opportunità di "immunizzare" utilmente nella forma ottimale - il latte materno.

    Come fai a sapere se il disagio al petto è un fenomeno del raffreddore o è un problema separato? La misurazione delle temperature in più posizioni aiuterà a rispondere a questa domanda. La temperatura viene misurata sotto le ascelle, nelle pieghe del gomito e poplitea e nelle pieghe inguinali. Se si scopre che la temperatura sotto il braccio è di 0,5 gradi più alta che in altri luoghi (dove la variazione delle letture può variare di 0,2 gradi), allora probabilmente c'è un problema "toracico" separato dal comune raffreddore.

    Se si verificano ancora ristagni di latte o lattostasi, è necessario adottare alcune misure speciali per alleviare l'edema mammario. Innanzitutto, allevia il gonfiore, poiché senza questo può essere difficile estrarre il latte o attaccare un bambino.

    Per fare ciò, i consulenti per l'allattamento al seno consigliano di applicare un impacco freddo (ad esempio, un pannolino imbevuto di acqua fredda e strizzato o una foglia di cavolo dal frigorifero) per alcuni minuti per raffreddare il seno. Il freddo restringe i vasi sanguigni, questo aiuterà a drenare il latte e ad attaccare il bambino.

    Se, comunque, il seno è molto pieno e compattato, ed è impossibile attaccare il bambino o drenare il latte, allora è necessario premere leggermente i cuscinetti di tre dita di entrambe le mani sui bordi dell'areola, posizionando le dita quasi verticalmente su entrambi i lati del capezzolo e tenerlo premuto per circa 40 secondi. Questo spinge brevemente il gonfiore indietro nel petto e rende l'area dell'areola meno elastica. Quindi puoi attaccare immediatamente il bambino al seno o prima filtrare un po 'il latte e poi attaccarlo. Ricorda che un bambino che succhia attivamente è il miglior tiralatte e "colino"!

    Scegliere una medicina

    L'esperienza ci dice che ognuno di noi ha il suo modo di ammalarsi. Non ha senso fare su te stesso tutto ciò che ha aiutato i tuoi vicini o parenti. Dicono che anche due gemelli possono portare la stessa infezione in modo diverso..

    Proprio perché ognuno è malato a modo suo, è impossibile creare una "medicina per tutti". Ecco il numero di rimedi per raffreddore e influenza e cresce ogni anno. Se aiutassero, non ne apparirebbero di nuovi: la nicchia è già occupata e padroneggiata. Questi farmaci hanno indicazioni sintomatiche. Ad esempio, "quando si tossisce". "Con un raffreddore." "Con manifestazioni di raffreddore." Il produttore del farmaco informa onestamente che il suo farmaco ha lo scopo di cancellare il sintomo indicato. E non per il trattamento del paziente personalmente da questa malattia.

    È possibile ottenere una medicina solo per te, la persona amata in una situazione particolare? Può. Perché esiste una parola del genere: omeopatia.

    I rimedi omeopatici sono sicuri per le donne incinte, le donne che allattano, i neonati e non hanno limiti di età.

    Un farmaco tratta diversi (e spesso tutti) i sintomi della malattia contemporaneamente, con una certa manifestazione di essi. Il fatto è che l'omeopatia non cura i sintomi, ma l'intero organismo che si è ammalato in questo modo. È solo necessario riconoscerlo correttamente dalla descrizione della malattia.

    È facile trovare una medicina per te stesso: dopo tutto, i loro ritratti sono stati lucidati per brillare da migliaia di utenti. Questa è un'altra prova della loro efficacia: i farmaci omeopatici non cambiano ogni anno, ma sono stati testati per secoli (il terzo secolo è iniziato!).

    I farmaci omeopatici hanno effetto immediato. Naturalmente, se stiamo parlando di una condizione acuta e non di una malattia cronica. Puoi notare il risultato in un'ora o due e trarre conclusioni sulla corretta selezione del medicinale. Non ha aiutato: proviamone un altro. (È possibile curare l'influenza "dai primi minuti" in mezza giornata, e quella "quotidiana" - in 4 giorni, se il farmaco è selezionato correttamente.) È anche positivo che non sia necessario prima fare una diagnosi accurata e poi trattarla. Puoi trattare immediatamente!

    I farmaci omeopatici non hanno bisogno di pubblicità, non richiedono molti componenti per la produzione e la quantità di principio attivo in essi contenuta è - è buffo dirlo - meno di una molecola. Pertanto, l'omeopatia costa poco.

    L'omeopatia, se conservata correttamente, non ha data di scadenza. Sì, la durata di conservazione è indicata sulla confezione - 2 anni. In pratica, è noto che un medicinale che è rimasto per più di cento anni continua a funzionare.!

    È anche prezioso che il trattamento omeopatico "superi la tendenza stessa a frequenti raffreddori" (TD Popova, "Family Book", Kiev, 1999).

    Vi rimandiamo al meraviglioso articolo di Veronika Nazarova (Maslova) sui farmaci che aiutano con i raffreddori di vario tipo. Vorrei sottolineare da me stesso che la mia famiglia di cinque persone (papà, mamma, tre figli) non ha praticamente usato nessun medicinale per quasi 9 anni, tranne l'omeopatia. Credimi, in questo periodo è successo di tutto. I nostri raffreddori, di regola, scompaiono in un giorno o quattro. Il "freddo" dell'infanzia più lungo è durato 2,5 settimane. Non siamo riusciti a trovare una cura. Ma la diagnosi di "broncopolmonite focale" è stata curata il giorno in cui è stato trovato il medicinale! Senza antibiotici e altri medicinali. Nessun "effetto collaterale". Tre palline sciolte in mezzo bicchiere d'acqua. Degno di nota?

    Per domande mediche, assicurati di consultare un medico in anticipo

    Come affrontare l'influenza per una mamma che allatta?

    In una donna che allatta, l'immunità non viene ripristinata immediatamente dopo il parto, il che rende il suo corpo vulnerabile a vari disturbi. Nel periodo autunno-inverno la situazione epidemiologica di solito peggiora e molte persone si ammalano di influenza. Anche le giovani madri sono suscettibili a questa malattia, tuttavia, il trattamento dell'influenza durante l'allattamento ha le sue caratteristiche. Ciò è dovuto al fatto che molti farmaci, che entrano nel latte, possono influenzare il bambino..

    Cos'è l'influenza?

    L'influenza è generalmente chiamata malattia infettiva acuta che colpisce le vie respiratorie ed è causata dal virus dell'influenza. La malattia fa parte del gruppo delle infezioni virali acute (ARVI). Ad oggi sono note più di 2000 varianti del virus influenzale (differiscono nel loro spettro antigenico).

    La malattia può diffondersi sotto forma di epidemia e pandemia. Ogni anno, da 250 a 500mila persone nel mondo muoiono a causa di varie varietà del virus dell'influenza, a volte il loro numero può raggiungere il milione (molto spesso si tratta di persone con più di 65 anni).

    Cause e modalità di trasmissione della malattia

    Chiunque può contrarre l'influenza, la causa della malattia, come già accennato, è il virus dell'influenza. La fonte dell'infezione è una persona già malata, dalla quale il virus viene trasmesso starnuti e tosse. Il paziente è contagioso un giorno prima della comparsa dei primi sintomi (motivo per cui è impossibile introdurre misure di quarantena) e fino a 5-7 giorni di malattia.

    Come procede l'influenza?

    Nella maggior parte dei casi, la malattia inizia all'improvviso. Gli agenti causali dei virus A e B sono caratterizzati da aggressività e da un altissimo tasso di riproduzione, motivo per cui, a poche ore dall'infezione, una persona presenta una profonda lesione della mucosa delle vie respiratorie, che consente ai batteri di penetrarla senza impedimenti.

    Il paziente di solito ha un forte aumento della temperatura, lamenta mal di testa e dolori articolari, affaticamento. Possono verificarsi tosse, naso che cola, congestione nasale. L'influenza non differisce in sintomi specifici e può essere confusa con altre malattie. Ecco perché il medico dovrebbe selezionare il trattamento.

    Possibili conseguenze

    Di solito, le persone si ammalano di influenza per alcuni giorni, dopodiché si riprendono. Tuttavia, a volte la malattia è grave e porta alla morte del paziente..

    La malattia provoca un'esacerbazione di tutte le malattie croniche esistenti, inoltre, l'influenza può causare una varietà di complicazioni sia dal tratto respiratorio e dagli organi ENT, sia dal sistema nervoso e cardiovascolare..

    Sintomi della malattia

    Con l'influenza, la madre può manifestare i seguenti sintomi:

    • calore;
    • tosse;
    • dolore e mal di gola;
    • rinorrea;
    • debolezza;
    • ossa doloranti;
    • brividi;
    • segni di intossicazione.

    Trattamento

    L'influenza è una malattia pericolosa che deve essere affrontata. Il trattamento dell'influenza durante l'allattamento deve essere effettuato solo sotto la supervisione di un medico, poiché molti farmaci possono avere un effetto negativo sul bambino.

    La terapia per questa malattia è finalizzata al raggiungimento dei seguenti obiettivi:

    1. riduzione dell'intossicazione generale;
    2. aumentando le proprietà protettive del corpo.

    Le tattiche per affrontare la malattia sono le seguenti:

    • Rispetto del riposo a letto. In una madre che allatta, tutte le forze del corpo vengono spese per creare il latte, quindi, in caso di malattia, deve garantire la pace.
    • Assunzione di farmaci. Molti farmaci non dovrebbero essere assunti durante l'allattamento. Il medico di solito prescrive farmaci antivirali contenenti interferone, poiché hanno un effetto più delicato sul corpo. È impossibile curare l'influenza con l'aiuto di antibiotici, poiché non distruggono il virus, ma gli anticorpi utili, il che porta ad un aggravamento della situazione. Il medico può prescrivere un antibiotico se la causa della malattia è nei batteri patogeni. Quindi il medicinale deve essere assunto in combinazione con i probiotici, poiché altrimenti la microflora intestinale potrebbe essere disturbata e il tratto digestivo disfunzionale. Non puoi trattare l'influenza che allatta con l'aspirina perché questo farmaco ha molti effetti collaterali.
    • Risciacquare il naso e la gola. Questi trattamenti sono sicuri ed efficaci. Consentono di eliminare le mucose del virus e ridurre il dolore. Per sciacquare la gola, vengono utilizzate soluzioni di sale o soda, un decotto di erba di San Giovanni o camomilla. Per il risciacquo del naso, viene mostrato l'uso di soluzione salina (è venduto in farmacia). Riempiendolo in una bottiglia vuota da sotto le gocce nasali, puoi irrigare la mucosa nasale.
    • Una dieta specifica. La mamma ha bisogno di forza per combattere l'influenza, quindi ha bisogno di mangiare bene. La dieta quotidiana dovrebbe includere verdure, latticini e cereali, nonché carne magra di tacchino e pollo..
    • Bevi molti liquidi. È necessario per l'eliminazione delle tossine dal corpo e per garantire un sufficiente apporto di latte. Se una donna ha una temperatura elevata, dovrebbe optare per acqua minerale, tè dolce, composta. Non è consigliabile placare la sete con bevande fortemente calde, fredde o acide. Bere varie tisane, bevande alla frutta, tra cui lamponi o viburno, dovrebbe essere fatto con attenzione, poiché possono causare allergie alle briciole. Il bambino deve essere esaminato quotidianamente per non perdere l'aspetto di un'eruzione cutanea..

    Medicinali per HV

    Come già accennato, non tutti i farmaci possono curare l'influenza durante l'allattamento. Molto spesso, i medici prescrivono i seguenti farmaci:

    • Ibuprofene. Questo farmaco è consentito per l'allattamento al seno. È prescritto per combattere temperature superiori a 38 gradi. "Ibuprofene" è usato per curare i bambini e non rappresenta un pericolo per il bambino.
    • Farmaci antivirali, che includono l'interferone (Anaferon, Laferon e altri). Tali farmaci per l'influenza sono utilizzati nel trattamento di forme gravi della malattia. È possibile curare l'influenza con HV con l'aiuto di tali farmaci solo nei primi tre giorni dall'inizio della malattia, quindi la loro efficacia diminuisce drasticamente. Una madre che allatta dovrebbe berli con attenzione, monitorando costantemente le condizioni del bambino..
    • "Askorutin". Durante l'allattamento, l'influenza può essere trattata con questo rimedio. La sua azione è volta a ridurre la permeabilità e la fragilità delle pareti dei capillari. Il risultato di ciò è rafforzare le pareti dei vasi sanguigni, riducendo la loro infiammazione e gonfiore. L '"ascorutina" ha proprietà antiossidanti e radioprotettive. La sua ricezione consente di attivare i processi redox, accelera la rigenerazione dei tessuti e la sintesi degli elementi del tessuto connettivo, promuove la formazione di ormoni steroidei e normalizza il metabolismo dei carboidrati. Tuttavia, una madre che allatta dovrebbe prima leggere le istruzioni per l'uso e osservare rigorosamente il dosaggio e il tempo di trattamento prescritti..
    • Aflubin. È un medicinale omeopatico che contiene erbe medicinali. L'azione di "Aflubin" è volta a ridurre l'infiammazione, normalizzare la temperatura, rimuovere le tossine dal corpo ed eliminare il dolore. Il compito del farmaco è stimolare la produzione di anticorpi contro malattie batteriche e virali. Il farmaco viene prescritto nei primi giorni della malattia..

    Molte donne sono interessate a sapere se è possibile prendere "Antigrippin" durante l'allattamento. Il trattamento con questo rimedio viene eseguito solo come prescritto da un medico. Quando si utilizza il farmaco, si consiglia di interrompere temporaneamente l'alimentazione, poiché il farmaco può influire negativamente sul bambino.

    Quando decide come trattare l'influenza, una giovane madre dovrebbe pensare non solo a se stessa, ma anche al suo bambino. Ecco perché l'automedicazione in questo caso è inaccettabile: l'assunzione di qualsiasi farmaco deve essere concordata con il medico. Avendo imparato dal medico come curare l'influenza, una giovane madre dovrebbe assolutamente leggere le istruzioni per tutti i farmaci proposti.

    È possibile allattare un bambino con l'influenza?

    Alcuni medici ritengono che l'influenza durante l'allattamento sia un motivo per interrompere temporaneamente l'allattamento al seno, poiché esiste un alto rischio di infezione da parte della mamma. Altri credono che non sia necessario interrompere l'allattamento al seno con l'influenza, poiché nel momento in cui la madre ha avuto i primi segni di malattia, il bambino aveva già ricevuto una certa dose del virus..

    Se la mamma prende l'influenza, non dovrebbe smettere di allattare. Al contrario, l'allattamento al seno per l'influenza aiuta a proteggere il tuo bambino dall'ammalarsi. Ciò è dovuto al fatto che il latte umano contiene fattori di protezione immunologica. A causa dello stretto contatto tra la madre e il bambino, i microbi patogeni e i microrganismi del bambino entrano nel corpo della madre, quindi le immunoglobuline nel latte sono specifiche dei patogeni del bambino. Il corpo della madre produce immunoglobuline specifiche che entrano nel bambino attraverso il latte. Come accennato, l'influenza ha un periodo di incubazione. Una donna in questo momento è già una fonte di infezione, ma con il latte materno il neonato riceve non solo il virus, ma anche gli anticorpi necessari per combatterlo.

    Pertanto, non è necessario utilizzare le seguenti precauzioni:

    • Indossa bende di garza. Questo è inutile poiché l'infezione è già avvenuta.
    • Isolare la mamma e rifiutare di nutrirsi per un po '. Secondo le osservazioni dei medici, se il bambino non mangiava latte materno durante la malattia della madre, le funzioni protettive del corpo si indebolivano, il che successivamente portava a un deterioramento della resistenza nella lotta contro le infezioni. Inoltre, lo svezzamento in un momento simile ha avuto un effetto negativo sullo stato psico-emotivo del bambino..
    • Bollire il latte materno. L'ebollizione distrugge i componenti necessari per proteggere il bambino, così come la maggior parte delle vitamine e dei minerali, che influiscono negativamente sulle proprietà nutritive del latte.

    I medici ritengono che l'allattamento al seno debba essere continuato, anche se la madre ha una forma grave della malattia (in questo caso, è possibile nutrire il bambino con latte espresso, ma non bollito). A volte l'influenza influisce sulla quantità di latte, ma questo non dovrebbe essere un motivo per rinunciare al fegato. Dopo che la madre si sarà ripresa, l'allattamento si riprenderà nello stesso volume.

    Le seguenti azioni sono vietate per una madre che allatta:

    • Non puoi bere droghe proibite con gv, così come quelle droghe nelle istruzioni per l'uso di cui non c'è segno sulla loro compatibilità con l'allattamento.
    • Superare il dosaggio prescritto, poiché un aumento della concentrazione del farmaco può essere pericoloso per il bambino.

    Prevenzione

    È meglio cercare di prevenire qualsiasi disturbo. Per cercare di evitare l'influenza, la mamma dovrebbe seguire alcune regole:

    • Cerca di limitare le visite ai luoghi dove c'è una grande folla di persone (trasporti, negozi, ecc.).
    • Rafforza l'immunità.
    • Mangia bene, assicurati che ci siano abbastanza vitamine nella dieta.
    • Conduci uno stile di vita sano.
    • Sbarazzati delle cattive abitudini.
    • Concediti una buona notte di sonno.
    • Mantieni l'igiene personale.
    • Eseguire la pulizia a umido e la ventilazione dei locali.
    • Evita l'ipotermia.

    Prevenire l'influenza durante l'allattamento aiuterà una donna a evitare l'influenza o ad ottenerla lievemente.

    Se lo si desidera, una giovane madre può ottenere in anticipo un vaccino antinfluenzale. Non ha alcun effetto sul bambino. La madre stessa può provare un leggero fastidio, che scomparirà un paio di giorni dopo la vaccinazione..

    L'influenza non è un motivo per interrompere l'allattamento al seno. Tuttavia, una madre che allatta deve ricordare che l'automedicazione in una situazione del genere è inaccettabile. Al primo segno di malattia, dovrebbe cercare l'aiuto di un medico. Il rispetto di tutti gli appuntamenti aiuterà a far fronte rapidamente alla malattia.

    Per Maggiori Informazioni Su Bronchite

    Bassa temperatura 36,0-36,4 in un bambino

    Bassa temperatura nei bambiniEventuali cambiamenti che avvengono nel corpo umano sono direttamente correlati ai processi che avvengono all'interno del corpo. I bambini piccoli sono particolarmente sensibili a tali cambiamenti.

    Le proporzioni di gargarismi con soda e sale

    I gargarismi con una soluzione di soda e sale vengono utilizzati in caso di malattie della gola, del cavo orale, ARVI. Un rimedio casalingo economico ed economico allevia il dolore, il gonfiore, previene la diffusione dell'infezione, elimina i patogeni per rimuoverli meccanicamente risciacquando con una soluzione di sale di sodio.